VIDEO Samb, tre punti d’oro. Fano battuto 1 a 0 in attesa del Matelica.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Samb-Fano 1-0CLICCA SUL VIDEO PER LE INTERVISTE AL PRESIDENTE FEDELI E ALL’ALLENATORE DEL FANO ALESSANDRINI.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – 3600 persone al Riviera delle Palme questo pomeriggio per Samb-Fano, primo dei due big match decisivi per le sorti del primo posto del girone F del campionato di Serie D, fin ora dominato dalla squadra del Presidente Fedeli.

I rossoblu di Palladini hanno affrontato la compagine terza in classifica, che si è presentata a San Benedetto senza tifosi al seguito. La curva sud vuota, ha fatto da cornice a questa sfida interessante anche tra i cannonieri: Sivilla e Gucci per il Fano, Titone per i rossoblu. Una vittoria dei granata significherebbe una riapertura clamorosa del girone F della Serie D, all’indomani della vittoria del Matelica al Bonolis di Teramo contro il San Nicolo.

L’undicesimo confronto in campionato tra sambenedettesi e fanesi si è risolto al principio della partita, dopo appena un centinaio di secondi: Titone, dopo un rimpallo, insacca in rete per la sua quattordicesima marcatura in questo campionato. Grande gioia per i giocatori rossoblu che hanno esulato sotto la tribuna centrale e per tutti i tifosi e simpatizzanti sambenedettesi, accorsi numerosi al “Riviera delle Palme”.

Per i primi venticinque minuti di gioco, la Sambenedettese con il 4-3-3 di stampo Palladiniano, ha espresso una velocità di gioco pari ad un frecciabianca, ed ha sfiorato il raddoppio al quarto d’ora con Sabatino che in un 3 contro 2 ha tirato dal limite dell’area di rigore e ha spedito di poco fuori.

Al venticinquesimo minuto di gioco, si scorge un arcobaleno a settentrione del Riviera delle Palme, i granata di Alessandrini recuperano forze e la Samb si trasforma in treno regionale fino alla fine del match, preoccupandosi di amministrare il risultato, e negli ultimi 15′ del primo tempo la difesa rossoblu ha retto gli attacchi del temibile duo Sivilla-Gucci aiutata da qualche errore di troppo degli uomini di Alessandrini, da un Conson in giornata di grazia e soprattutto dal calore dell’Onda d’Urto e di tutti i tifosi sambenedettesi, come sempre di categoria superiore, in un vero e proprio gesto d’amore calcistico nel giorno di San Valentino,

Anche nel secondo tempo la Samb si è preoccupata di amministrare il risultato e il Fano per due volte ha rischiato di far ammutolire i 3600 sambenedettesi: al 20′ Gucci con un colpo di testa, ha mandato di poco fuori la sfera, mentre al 37′ la traversa ha negato il pari fanese su un’ottima punizione di Borrelli.

Comunque la Samb è stata vicina al raddoppio al 12′ con questa magnifica azione di Titone, che ha saltato due avversari, ma la conclusione è stata parata in due tempi di Marcatognini.

Mediocre la partita del direttore di gara Ayroldi di Molfetta, un cognome pesante nella storia dell’arbitraggio calcistico italiano. Il suo fischio finale al termine di quattro minuti di recupero, è stato una vera e propria liberazione per giocatori e tifosi della sambenedettese. Tre punti d’oro per gli uomini di Palladini che raggiungono quota 58 mantenendo le sette lunghezze di vantaggio sul Matelica in attesa del big match di domenica prossima al Comunale del Boschetto.

SAMBENEDETTESE 1 – ALMA JUVENTUS FANO 0  – IL TABELLINO

Sambenedettese: Pegorin, Pettinelli, Carminucci(72′ Pezzotti), Barone, Salvatori, Conson, Titone, Sabatino, Gavoci(62′ Sorrentino), Candellori, Baldinini(82′ Casavecchia). A Disp.: Mazzoleni, Casavecchia, Tagliaferri, Montesi, Raparo, Pezzotti, Fioretti, Sorrentino, Palumbo. All.: Ottavio Palladini

AJ Fano: Marcantognini, Camilloni, Dejori, Lunardini, Nodari, Torta, Sivilla, Marconi(80′ Lucciarini), Gucci, Borrelli, Marianeschi(58′ Ambrosini). A Disp.: Ottavi, Gregorini, Lucciarini, Ambrosini, Salvato, Verruschi, Mei, Apetzeguia, Bartolini. All.: Marco Alessandrini

Arbitro: Giovanni Ayroldi di Molfetta, assistito da Paolo Laudato di Taranto e Francesco Bruni di Brindisi.

Marcatori: 2′ Titone (S)

Ammoniti: 21′ Lunardini (F),  35′ Salvatori (S), 67′ Pegorin (S), 92′ Nodari (F)

Angoli: 4-6 per il FANO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *