Presso la Biblioteca dell’ex Seminario vescovile di Montalto Marche due opere uniche al mondo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Paola DI Girolami

MONTALTO – La scorsa estate la Biblioteca dell’ex Seminario vescovile di Montalto Marche è entrata ufficialmente a far parte di uno dei poli del Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN) e precisamente in quello delle biblioteche ecclesiastiche italiane (PBE) gestito e coordinato dall’Ufficio Beni Culturali della CEI, di cui già dal 2011 faceva  parte anche la Biblioteca diocesana di Ripatransone la cui catalogazione  è in corso grazie all’operatrice dott.ssa Ilaria Tassotti.
Il patrimonio della biblioteca di Montalto, consistente in circa 3000 volumi per la maggior parte antichi, ha iniziato a svelarsi alla vasta utenza degli studiosi interessati soprattutto di sacra scrittura, morale, storia, diritto e letteratura; tramite un software messo a disposizione dalla CEI (CEI-Bib) si sta infatti catalogando tutto il patrimonio librario della biblioteca dell’ex Seminario montaltese grazie al valente lavoro del dott. Andrea Martinelli.

Fino ad ora sono stati catalogati più di 300 record bibliografici i quali, tramite il colloquio con la banca dati statale, sono già visibili in SBN. I volumi della biblioteca potranno essere conosciuti anche attraverso altri canali, come  i protocolli informatici di dialogo tra i diversi sistemi. Si può citare ovviamente il catalogo di SBN dell’Istituto Centrale per il Catalogo Unico (ICCU) in cui sono presenti tutte le biblioteche italiane, il catalogo più specifico per le biblioteche ecclesiastiche della CEI, il portale BeWeb, sempre della CEI, che permette, ad esempio, una ricerca su più fronti tra beni librari, beni archivistici e beni storico-artistici, il meta-catalogo della università di Passau, il KVK – Karlsruhe Virtual Catalog, con cui è possibile una ricerca simultanea di numerosissimi cataloghi nazionali e internazionali.

L’attività di catalogazione intrapresa a Montalto fino ad oggi ha rivelato, inoltre, edizioni rare, non presenti in nessun catalogo nazionale e internazionale.
Ci riferiamo in particolare a due opere di diritto del noto giurista romano Prospero Farinacci (1544-1618) stampate a Francoforte nel 1614: Prosperi Farinacii … Responsorum criminalium liber primus. Summarijs & argumentis vnicuique consilio adiectis ac indice rerum & sententiarum locupletissimo e Decisiones Rotae 140. criminum materiam in precedentibus praesertim consiliis pertractatam respicientes, ab eodem Prospero Farinacio … hic post eadem sua criminalia responsa positae & recollectae, quibus etiam accesserunt additiones non ineruditae Famiani Centolini iuriscons. Galesii. Non adhuc impressae. Cum indice & summariis locupletissimis. Si ricorda che il Farinacci fu una figura di spicco a cavallo tra i sec. XVI e XVII, famoso avvocato e studioso di diritto, i suoi trattati, in particolar modo, la Praxis et theorica criminalis, sono stati i testi di riferimento per tutti i giuristi italiani dell’epoca.

Apertura biblioteca Ripatransone-Montalto
 martedì, giovedì, venerdì 15.30-19.00
tel 0735.91357; 347.3804444

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *