A. C. “Viaggio solo andata”, questa sera il secondo incontro dedicato ai migranti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

paceDi Diletta Pignotti

GROTTAMMARE – Giovedì 14 Gennaio presso la sala ‘’Alessandro Verdecchia ‘’ della sede parrocchiale, si è tenuto l’incontro ‘’Chi bussa alla nostra porta‘’ a cura di Don Gianni Croci inerente il mese della pace.
Per l’Azione Cattolica, il mese di gennaio è davvero significativo perché è dedicato all’apertura verso il prossimo.

Proprio per questo motivo l’AC nazionale ogni anno propone un’iniziativa di solidarietà per aiutare chi ha bisogno. Da ciò abbiamo preso spunto per l’incontro nel quale il direttore della Caritas di San Benedetto , Don Gianni, ha proposto un momento di riflessione sul messaggio della Pace di Papa Francesco , che invita a non essere indifferenti a tutto ciò che sta accadendo nel mondo e in generale a non trascurare il ‘’prossimo’’.

Ha riportato la sua esperienza di servizio che vive  mischiando momenti seri a momenti più ‘’leggeri’’ , alternando riflessioni ,racconti e qualche battuta.

Un momento di riflessione su tematiche che affrontiamo tutti i giorni ma sulle quali non ci soffermiamo.

Don Gianni ci ha infine ricordato che l’importante è accogliere e non fermarsi alle apparenze e ai pregiudizi, che siamo tutti figli di uno stesso padre , che è Dio e per questo motivo , tutti fratelli. Per vincere questa indifferenza dobbiamo mostrarci misericordiosi e recuperare le emozioni.

Nella vita bisogna aprire la porta a tutti e non chiuderla ermeticamente , bisogna saper rischiare e ,accogliere , con carità, è rischiare.

Giovedì è stato il primo di una serie di incontri, tutti inerenti l’accoglienza del prossimo.
Siete tutti invitati questa sera, giovedì 21, alle ore 21.15 presso la sala Verdecchia in via del Mercato 20 per conoscere la vita dei migranti.

Lo faremo assieme al “Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati” (SPRAR) costituito dalla rete degli enti locali per la realizzazione di progetti di accoglienza integrata che superano la sola distribuzione di vitto e alloggio, e alla Cooperativa sociale “Casa Lella 2001” che ha lo scopo di fornire un attività di accoglienza con azione di sostegno a ragazzi dai 12 ai 18 anni (italiani e non), segnalati dai Servizi Sociali, dalle Asl e talvolta collocati dal Tribunale dei Minori, con l’obiettivo di consentirne una integrazione progressiva e responsabile nel contesto sociale.

Don Gianni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *