Le micro e piccole imprese stanno guidando la “riscossa” del Piceno

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CnaSAN BENEDETTO DEL TRONTO – Le micro e piccole imprese stanno guidando la “riscossa” del Piceno.
La “carica” degli over 50: la percentuale di occupati in questa fascia di età è salita nel 2015 di quasi il 5 per cento rispetto al 2014. In calo la disoccupazione giovanile (fra i 25 e i 34 anni) anche se resta su livelli che destano ancora fortissima preoccupazione

LA FORZA DELLE “PICCOLE”. Piccole e micro imprese “punta di diamante” della ripresa che il Piceno ha cercato di agganciare in questo fine 2015. “Se anche gli altri settori seguissero lo stesso passo delle piccole – è il commento di Luigi Passaretti, presidente della Cma di Ascoli Piceno – anche il nostro territorio galopperebbe. Questo del risveglio delle piccole imprese è a nostro avviso uno dei dati più significativi che emerge dallo studio di fine anno che la Cna di Ascoli ha compiuto utilizzando i propri canali informativi,  i dati di Unioncamere e le elaborazioni del Centro studi della Cna regionale delle Marche”.

L’OCCUPAZIONE. Anche nel 2015, complessivamente, l’occupazione nel Piceno non ha purtroppo invertito il trend negativo. Analizzando i dati a disposizione ai primi novembre, e proiettandoli a fine anno, la stima del dato occupazionale è quantificabile in un ulteriore meno 1 per cento per il 2015 rispetto al 2014. Una disoccupazione in frenata, comunque, visto che nei precedenti 10 anni il numero dei senza lavoro è quasi raddoppiato: dal 6,9 per cento del 31 dicembre 2004 al meno 11,9 per cento del 31 dicembre 2014.

LE MICRO E PICCOLE IMPRESE COL PIEDE SULL’ACCELERATORE. A novembre 2015 l’occupazione nelle micro e piccole imprese è aumentata dello 0,3 per cento rispetto a ottobre. È il terzo incremento consecutivo che permette alle micro imprese di chiudere il trimestre settembre-novembre con un risultato particolarmente positivo (più 0,9 per cento) che contrasta con la flessione verificatasi nello stesso periodo del 2014 (meno 0,4 per cento). Dall’inizio del 2015 l’occupazione per le imprese del settore artigiano e commerciale con meno di dieci addetti ha segnato una variazione complessiva pari a più 3,3 per cento, quasi tre volte superiore a quella messa a segno nel periodo gennaio-novembre 2014 (più 1,2 per cento).

LE APERTURE E LE CESSAZIONI: “RESISTE” IL SEGNO POSITIVO. E’ questo uno dei dati più significativi elaborati dal Centro studi della Cna regionale delle Marche per la nostra provincia. Ovvero, per le piccole e medie imprese del Piceno fra occupazione, fatturato e iscrizioni – dopo anni di segno meno in tutti i parametri – è confermata l’inversione di tendenza. Fra gennaio e novembre 2015, infatti, nel Piceno il saldo fra le imprese che hanno aperto (1.082) e quelle che hanno chiuso i battenti ( 1.057) e tornato sia pur di poco (25) positivo.

IL PICENO VERSO LA MODERNIZZAZIONE MA SEMPRE COME PROVINCIA ARTIGIANA. In frenata anche l’emorragia delle imprese. A dicembre 2013 le imprese iscritte alla Camera di commercio di Ascoli Piceno erano 21.282. A fine 2014 erano scese a 21.078. A novembre di quest’anno erano 21.035. Stabile per tutto il 2015 la percentuale delle imprese artigiane: 29 per cento del totale. Ma c’è un altro dato che rende l’idea di un trend per fortuna in via di significativa modifica rispetto agli ultimi anni: alla fine del terzo trimestre del 2013 il saldo fra le imprese che aprirono e quelle che chiusero fu di meno 245; alla fine del terzo trimestre 2015 è stato di più 55. “La vocazione artigiana del territorio – aggiunge Francesco Balloni, direttore della Cna Picena – dovrà essere sempre più percepita non come un limite ma come un’opportunità in più. Innovazione, start-up in crescita e altri indicatori disegnano una strada chiara e precisa che un’associazione datoriale come la nostra, leader sul territorio, dovrà percorrere anche in questo prossimo 2016. Nuovi mercati e nuove linee di produzione e per le quali micro e piccole imprese hanno competenze eccellenti. Con un solo handicap, quello dimensionale. Per questo da anni come Cna stiamo lavorando per consolidare la cultura della sinergia, del fare rete e sistema pur non snaturando il lavoro artigiano che è unico proprio perché frutto dell’ingegno e della fatica dei singoli. I dati occupazionali parzialmente in ripresa confermano il valore della formazione e della riqualificazione professionale che paga. Così come quelli dei fatturato e dell’esportazione che premiano saper fare ed eccellenze”.

Il mese di novembre ha segnato anche un consolidamento delle condizioni del mercato del lavoro. L’aumento del numero di occupati è stato infatti determinato sia dall’aumento della domanda di lavoro (tra gennaio e dicembre 2015 le assunzioni sono aumentate del 4,4 per cento rispetto allo stesso periodo 2014) sia della diminuzione delle cessazioni (meno 4 per cento rispetto al 2014).

I CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO. Sempre nel periodo gennaio-novembre 2015 le assunzioni con contratti a tempo indeterminato sono aumentate del 9,2% e risultano applicate al 30,9% dei nuovi assunti dalle imprese artigiane e commerciali con meno di dieci dipendenti. Le assunzioni a tempo determinato sono cresciute in misura simile (8,3%) ma interessato una platea ben più ampia (il 56% circa dei lavoratori). In diminuzione risultano invece le assunzioni realizzate con contratti di apprendistato (meno 11,2%) e con altre forme contrattuali (meno 27,9%).

PIU’ “OVER 50” OCCUPATI E MENO “UNDER 34” DISOCCUPATI. Sempre analizzando il dato delle piccole imprese della provincia sono da segnalare altri due dati di alto valore, sia riguardo la loro concretezza (perché accreditati dall’analisi statistica dei primi 10 mesi del 2015), sia riguardo il loro valore in prospettiva 2016. Da gennaio 2013 a novembre 2015 è salita – nel paniere dell’occupazione – di ben 4,7 punti percentuali la quota delle assunzioni di over 50. All’opposto, ma sempre retaggio di una grave criticità per il Piceno, i non occupati fra i 25 e i 34 anni erano il 42,6 per cento del totale a ottobre 2014 mentre sono scesi al 39,8 per cento a ottobre 2015.

IL VALORE DELL’INNOVAZIONE E DELLE IDEE COME TRAINO PER LA RIPRESA. Nel 2015 in provincia di Ascoli Piceno sono nate 14 start-up innovative. Ne erano nate 5 nel 2013 e addirittura solo una nel 2010. Un incremento che ha portato la provincia (elaborazione di Unioncamere su dati InfoCamere) Picena al primo posto regionale riguardo l’incidenza di chi avvia un’attività in base a un progetto innovativo e creativo. A fine 2015, infatti, nella nostra provincia sono state il 18 per mille le imprese di questo genere, appunto ogni mille nuove imprese avviate. Proporzione che mette in fila il resto della regione: Ancona (11,5 per mille), Pesaro Urbino (8,7 per mille), Macerata (7,1 per mille), Fermo (5,7 per mille).

L’INCOGNITA DEL CREDITO: NEL 2015 UN’IMPRESA SU TRE HA VISTO ULTERIORMENTE ALLUNGARSI I TEMPI PER LA RISCOSSIONI DEI CREDITI PER FORNITURE O LAVORI SVOLTI. Con il 23  per cento di sofferenze di cui il 5,2 per cento nell’ultimo anno e  il 35,6 per cento di crediti deteriorati, il timore è che le banche marchigiane nel 2016 penseranno più a rafforzarsi e a consolidare il patrimonio che a dare credito alle imprese. Anche perché i sessantasette istituti di credito operativi nella regione hanno ‘in  pancia’ anche il 12,5 per cento di crediti scaduti, incagliati o ristrutturati.

Fatica a riprendere il flusso di credito alle piccole imprese. Nelle Marche ammontano a 6.347 milioni di euro rispetto ai 6.591 milioni di dodici mesi fa, con un calo del 3,7 per cento, pari a 244 milioni di euro. Complessivamente i marchigiani si sono fatti prestare dalle banche 43.104 milioni di euro con una riduzione dello 0,3 per cento rispetto a un anno fa, pari a 130 milioni di euro.  Alle imprese sono andai 25.910 milioni di euro di cui 19.563 a quelle medio grandi mentre le amministrazioni pubbliche sono debitrici verso il sistema bancario di 1.733 milioni di euro e le società finanziarie di altri 1.917 milioni di euro.  Le famiglie hanno ottenuto prestiti per 13.358 milioni di euro di cui il 57,1 per cento per acquistate casa, il 16,7 per cento per il credito al consumo e il restante 26,1 per cento per altre esigenze familiari. “Con la crisi i tempi di riscossione dei crediti dai clienti nel 2015 si sono allungati per il 30,5 per cento delle imprese – precisa Massimo Capriotti, direttore provinciale di Fidimpresa Marche – che si trovano così sempre più spesso in crisi di liquidità e finiscono col fare da banca alle imprese più grandi, cui concedono dilazioni creditizie che a loro non sono concesse. Nel 2016 sono programmati interventi, sia nazionali che regionali, molto interessanti per le imprese. L’auspicio, va ribadito con forza, è che a fronte di questa apertura di credito e di fiducia non ci si ritrovi con un ulteriore giro di vite da parte delle banche per motivi esclusivamente interni agli istituti”.

COME SI VIVE E SI INTRAPRENDE NELLA NOSTRA PROVINCIA. Nella recentissima classifica de “Ilsole24ore” la provincia è al 21° posto in Italia. Nelle Marche solo la provincia di Macerata fa meglio (11° posto). La provincia Pesaro e Urbino è al 32° posto, quella di Ancona è al 44°, quella di Fermo al 47°.  La provincia di Ascoli Piceno è particolarmente avvantaggiata per quanto riguarda l’area “affari e lavoro”, cioè l’area più interessante per le attività di piccola impresa: ciò vale sia sotto il profilo del numero delle imprese registrate (nella provincia ce ne sono 11 ogni 100 abitanti), sia per la quota dell’export sul Pil (72 per cento), il tasso di occupazione (58 per cento), gli impieghi in rapporto ai depositi (il rapporto è di 1 a 1).  Dunque la provincia è ai primi posti in Italia per propensione all’imprenditorialità, per apertura all’esterno, per capacità di occupare le risorse umane disponibili, per attitudine ad investire al proprio interno le risorse risparmiate.

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Secondo “Giuria della Congiuntura”, l’osservatorio dell’Unione delle Camere di Commercio delle Marche, sul finire del 2015 e per l’avvio del 2016 desta ancora qualche preoccupazione la domanda interna (per i prossimi tre mesi il 34 per cento di imprese prevede ordinativi interni in calo e il 18 per cento in aumento). La condizione di stabilità (74 per cento dei casi) dovrebbe invece predominare per l’andamento atteso degli ordinativi dall’estero.

E ancora. Alcune previsioni settoriali registrate per il complesso della regione, assumono particolare interesse per la provincia di Ascoli Piceno: tra i vari settori di attività, infatti, le industrie alimentari nutrono le migliori aspettative di concludere positivamente l’anno 2015, soprattutto sul versante degli ordinativi esteri. Anche le industrie chimiche, petrolifere e plastiche potrebbero godere di una sostanziale ripresa. Previsioni di moderata crescita per le industrie del legno e del mobile e per le industrie elettriche ed elettroniche, mentre resteranno ancorate alla stazionarietà le altre industrie e le industrie dei metalli.

Lievemente negative le previsioni a breve termine delle industrie metalmeccaniche e dei mezzi di trasporto, condizionate da una possibile contrazione degli ordinativi esteri (meno 16 punti percentuali). Mentre i settori in maggiore difficoltà saranno quelli delle industrie tessili e dell’abbigliamento, principalmente a causa di un calo degli ordinativi interni (meno 37 punti percentuali) e delle industrie delle pelli, cuoio e calzature, anch’esse penalizzate da una diminuzione degli ordinativi provenienti dall’estero (il saldo tra ottimisti e pessimisti risulta pari a meno 40 punti percentuali).

L’IMPEGNO DELLA CNA PICENA PER SALVARE LE PICCOLE IMPRESE DI COSTRUZIONE. ANCHE NEL 2015 IN CALO IL NUMERO DI IMPRESE. Nuove opportunità per le piccole imprese del Piceno grazie alle ristrutturazioni dei centri storici e all’efficientamento energetico. E’ questa l’analisi della Cna di Ascoli su questo importante comparto che è da sempre cartina di tornasole di tutta l’economia di un territorio. “Già in fase di elaborazione – conclude Francesco Balloni, direttore provinciale della Cna – la nostra Associazione ha espresso una sostanziale valutazione positiva sul provvedimento di riforma del Codice degli Appalti Pubblici perché in esso si ritrovano principi condivisi e promossi dalla Associazione. Come, ad esempio quello del miglioramento delle condizioni di accesso agli appalti pubblici da parte delle micro e piccole medie imprese. Sia attraverso l’incentivazione della suddivisione in lotti degli appalti, da rendere comunque più incisiva nei successivi dispositivi normativi, sia attraverso la regolamentazione dei subappalti. Un provvedimento indispensabile visto che anche i dati dei primi tre trimestri del 2015 segnalano nel Piceno il continuare della flessione delle imprese del settore, meno 54 rispetto allo stesso periodo del 2015”.

LA DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE: ANCHE DA QUESTI NUMERI TRASPARE LA VOGLIA DI “NUOVO”. I dati disponibili (fonte Centro Studi Sistema della Cna regionale delle Marche) sulla demografia d’impresa per il 2015 (quelli relativi ai primi nove mesi dell’anno) mostrano che vi è stata una tenuta del numero delle imprese, aumentato leggermente (di 25 unità). I dati disponibili non consentono ancora di attribuire ai singoli settori un’ampia parte delle nuove imprese (le quali, infatti, risultano ancora “imprese non classificate” nei registri delle Camere di Commercio). Proprio l’ampiezza del numero delle imprese ancora non classificate evidenzia un aspetto importante: le nuove imprese che si immettono sul mercato non sono facilmente riconducibili ai settori tradizionali, manifatturieri o del terziario. E questo perché – presumibilmente – si avviano a operare secondo modalità innovative e non facilmente collocabili. Talora le nuove imprese nascono per operare in ambiti misti, a cavallo tra settori differenti, con attività che possono ricadere in più di un settore dei servizi oppure in attività manifatturiere e di servizio contemporaneamente. Ciò avviene, ad esempio, quando nell’obiettivo di valorizzare un proprio prodotto se ne realizza anche la manutenzione o l’assistenza nelle riparazioni.

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO iscrizioni cessazioni saldi
A Agricoltura, silvicoltura pesca 96 152 -56
B Estrazione di minerali da cave e miniere 0 2 -2
C Attività manifatturiere 75 109 -34
D Fornitura di energia elettrica, gas, … 2 7 -5
E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d… 2 2 0
F Costruzioni 102 146 -44
G Commercio all’ingrosso e al dettaglio; autoriparaz. 172 261 -89
H Trasporto e magazzinaggio 6 33 -27
I Attività dei servizi alloggio e ristorazione 54 95 -41
J Servizi di informazione e comunicazione 23 26 -3
K Attività finanziarie e assicurative 21 22 -1
L Attivita’ immobiliari 9 11 -2
M Attività professionali, scientifiche e tecniche 33 37 -4
N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi supporto alle im… 37 40 -3
O Amministrazione pubblica; assicurazione sociale … 1 0 1
P Istruzione 4 4 0
Q Sanita’ e assistenza sociale 4 1 3
R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver… 10 16 -6
S Altre attività di servizi 34 45 -11
T Attività di famiglie e convivenze 0 0 0
U Organizzazioni ed organismi extraterritoriali 0 0 0
NC Imprese non classificate 397 48 349
TOT TOTALE 1082 1057 25

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *