Il Giappone risarcisce la Corea per le “donne conforto”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

giapponesiZenit

A distanza di settant’anni, dal Giappone arriva uno storico risarcimento nei confronti della Corea del Sud, per la controversia delle “donne conforto”.

La questione, aperta dal 1965, si è risolta in questi giorni, con lo stanziamento di 1 miliardo di yen (circa 8,3 milioni di dollari) a beneficio delle sopravvissute tra le “schiave del sesso” coreane per i soldati nipponici durante la colonizzazione (1910-1945).

Per l’occasione, il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha espresso le proprie “scuse di cuore”, a nome del suo paese. Da parte sua, il ministro degli esteri sudcoreano, Yun Byung-se ha dichiarato: “Abe, come primo ministro del Giappone, offre di cuore le sue scuse per tutti coloro che hanno subito molto dolore e ricevuto ferite che sono difficili da curare, sia dal punto di vista fisico che mentale”.

Secondo i coreani, negli anni della dominazione giapponese, almeno 400mila loro connazionali erano state rapite con la forza o con l’inganno e costrette a lavorare nei bordelli del Sol Levante o delle basi militari nipponiche sparse in tutta l’Asia. Secondo i giapponesi si era trattato di un traffico di esseri umani, limitato a non più di 40mila donne e portato avanti da privati e non da ufficiali dell’esercito o governativi.

La questione è tornata d’attualità, anche in occidente, quando nell’agosto 2014, durante la sua visita pastorale in Corea del Sud, papa Francesco ha incontrato alcune sopravvissute al drammatico fenomeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *