A tu per tu con Fortunato Amabili, “Fino ad ora ho fatto partire una trentina di camion per aiutare i più bisognosi”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

FortunatoCUPRA MARITTIMA – A Cupra Marittima opera da anni l’Associazione umanitaria “Madonna del Buon consiglio” presieduta da Fortunato Amabili.
L’Associazione ha, tra gli altri, lo scopo di provvedere alla raccolta e al deposito di vestiario, attrezzature ospedaliere per il sostegno sul territorio delle persone bisognose.

Fortunato come hai organizzato questa spedizione? Da chi ti è venuto il materiale?
Il materiale mi viene da tanti amici da tutta Italia, come i miei amici confratelli della Madonna del Buon Consiglio, Franco Fagioli e Marco Giommi.
Poi c’è il principe gran maestro che ogni tanto mi porta la stoffa e la macchina da cucire. Nel camion che è partito da poco c’è del vestiario, pasta, materassi e andrà a finire alla Caritas di Maropati, una cittadina vicino Gioia Tauro (RC).

Hai lavorato tanto in tutti questi anni; quanti camion hai riempito?
Fino ad ora ho fatto partire una trentina di camion, diretti verso l’Ucraina, la Romania e quattro a Maropati. L’anno scorso ho mandato un camion con 9 metri di bilico, e ho spedito dei furgoni.
Ho aiutato anche una signora di San Benedetto del Tronto con due bancali e la Caritas diocesana. Ho un amico, Francesco Cariati: c’è una possibilità che lui riesca a prendere un aereo così potremmo spedire anche in Africa. In Ucraina, pensa, ho mandato un milione di euro di medicinali: il primo carico era in fiorini, ma allora il fiorino era basso e c’erano medicine per i tumori che costavano care, così ho mandato un altro furgone.

Qualcuno sarà interessato al lavoro che fai. Vorresti fare un appello a chi verrebbe a prestare qualche ora del suo tempo qui con te?
Sarei molto contento se qualche volontario volesse venire ad aiutarmi: io sono anziano e vorrei che qualcuno portasse avanti il lavoro di quest’associazione. Ho dei volontari, uno più bravo dell’altro, ma lavorano tutti. Perciò, se qualcuno vuole venire è il benvenuto; se non mi trova, sul cancello c’è il mio numero di telefono, mi chiamate e ci mettiamo d’accordo.

Abbiamo infine chiesto a tre giovani fratelli, Scartozzi, il perchè donino il proprio tempo nell’aiutare l’associazione:: “Perché partecipare a questi eventi che l’associazione organizza è emozionante, vivere queste situazioni, con i carichi di beni che vengono mandati in destinazioni povere, alla fine del lavoro è un’emozione grandissima, ti commuove. Immagini queste persone, i bambini, le famiglie, che hanno bisogno delle cose essenziali per vivere, ti immagini le loro facce sorridenti che pensano “almeno c’è qualcuno che ci aiuta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *