Apertura Porta Santa: mons. Viganò (Ctv), “piena sintonia con lo spirito della riforma dei mezzi di comunicazione vaticani”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Viganò“Un momento di piena sintonia con lo spirito della riforma dei mezzi di comunicazione vaticani chiesto da Papa Francesco”. Così monsignor Dario Edorado Viganò, direttore del Centro televisivo vaticano (Ctv) e prefetto della Segreteria per la Comunicazione, in merito all’innovativa copertura mediatica realizzata in occasione della cerimonia di apertura della Porta Santa presieduta dal Santo Padre, che costituisce la prima diretta mondiale via satellite in Ultra HD 4K della storia. “Una produzione straordinaria – precisa mons. Vigano – che è riuscita a mettere il Centro televisivo vaticano e la Radio Vaticana assieme ad una serie di partner tecnologici di eccellenza come Sony, Eutelsat, Globecast e Dbw Communication, coinvolgendo circa 100 persone impiegate complessivamente nel Tv compound allestito in Piazza del Santo Uffizio”. Sotto la guida del Ctv, il team ha contribuito alle operazioni di ripresa e di trasmissione dell’evento nell’ambito di un’infrastruttura tecnologica d’avanguardia composta tra l’altro da 3 satelliti Eutelsat ad ampia copertura; 19 telecamere Sony di ultima generazione; due modernissimi mezzi satellitari di Globecast; diversi centri di controllo per la gestione del segnale collocati in varie parti del globo. Con l’aggiunta di altri sofisticati apparati, tale assetto ha supportato e integrato le due rinnovate regie mobili del Ctv durante la diretta televisiva realizzata anche grazie all’impiego di 40 microfoni di Radio Vaticana dislocati tra l’esterno e l’interno della Basilica di San Pietro.
Il lavoro di cooperazione ha consentito di effettuare – al termine della cerimonia – un test della durata di una trentina di minuti di indubbio valore per la comunità scientifica: la prima trasmissione via satellite live in High dinamic range (Hdr), soluzione tecnologica che permette di incrementare ulteriormente la luminosità, la gamma dei colori e il contrasto bianco/nero delle immagini in Ultra HD 4K. “Non solo una produzione spettacolare ed immersiva – aggiunge mons. Viganò – ma una produzione che è arrivata anche nei luoghi della sofferenza. Infatti, è stata distribuita sul canale Eutelsat K41 e ricevuta su TV Sony UHD presso l’ospedale Gemelli di Roma e il carcere milanese di Opera. Dunque la tecnologia al servizio della tenerezza e della misericordia che Papa Francesco ci invita sempre a vivere”. Infine, per garantire la massima diffusione dell’evento è stata incrementata l’estensione dell’abituale rete satellitare mettendo a disposizione di ciascuna emittente Tv del mondo il segnale multilingua in tutti gli altri formati televisivi, dall’Hd all’Sd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *