Inaugurata la nuova Elisuperficie della Provincia con l’atterraggio di “Icaro”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ElisuperficePROVINCIA – Una grande ed intesa partecipazione ha caratterizzato oggi la cerimonia di inaugurazione della nuova Elisuperficie della Provincia sita in località Pennile di Sotto proprio a fianco della Sala Integrata di Protezione Civile (SOI). Un’infrastruttura logistica importante per il nostro territorio che può essere impiegata per le attività di prevenzione e soccorso.

Alla manifestazione hanno preso parte numerose autorità civili e militari, tra le quali, il Prefetto dott.sa Graziella Patrizi, il Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo, il Vescovo di Ascoli Piceno Mons. Giovanni D’Ercole, la Vice Presidente della Giunta Regionale Anna Casini, il Sindaco di Ascoli Guido Castelli, il Presidente del Tribunale Fulvio Uccella, il Questore Mario Della Cioppa, il Consigliere Regionale Piero Celani, la Dirigente del Servizio Protezione Civile della Provincia Avv. Anna Maria Lelii, autorevoli rappresentanti delle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate, tanti sindaci e rappresentanti dei gruppi di volontariato comunale di Protezione Civile, operatori del “118”, delle associazioni di soccorso e di tante realtà dello splendido volontariato impegnato nel sistema di Protezione Civile. In rappresentanza del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile sono intervenuti il Ten. Col. Lombardi e il Maresciallo Mattiangeli del Centro Operativo Aeronautico Unificato che hanno lodato l’iniziativa ed espresso grande apprezzamento per la macchina della Protezione Civile provinciale e regionale. Per la Protezione Civile regionale hanno preso la parola il dott. Marcello Principi Dirigente del Dipartimento e l’Arch. Alberto Cecconi Dirigente del servizio infrastrutture e coordinatore, insieme a Gianni Scamuffa, del progetto REM (Rete Elisuperfici Marche). Presenti anche numerose scolaresche degli istituti superiori della città che hanno ascoltato con grande interesse gli interventi delle autorità e degli esperti.

Prima di dare il via alla cerimonia, il Consigliere Sergio Corradetti ha chiesto di osservare un minuto di silenzio per le vittime dei recenti attentati terroristici e ha poi illustrato le caratteristiche tecniche della struttura “che è ampia 1300 mq, adatta all’atterraggio, stazionamento e decollo di elicotteri e che ha ricevuto l’autorizzazione da parte dell’Enac, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile“.

Il Presidente D’Erasmo ha sottolineato la positiva presenza degli studenti “è essenziale infatti sensibilizzare le giovani generazioni sui temi della Protezione Civile, sulle procedure da seguire in caso di calamità e sviluppare una coscienza civica come cittadini protagonisti nel loro territorio e nella comunità locale” ha inoltre ringraziato “tutte le istituzioni, le Forze dell’Ordine, gli Enti e le associazioni e i tecnici del Servizio Patrimonio che hanno progettato e curato la realizzazione dell’opera e il Servizio Protezione Civile che si è prodigato per l’organizzazione di questa iniziativa“.

Sulla stessa lunghezza d’onda il Prefetto Patrizi che ha ribadito l’importanza della rete di Protezione Civile sottolineando come “la macchina di protezione civile italiana é tra le più efficienti e stimate nel mondo per le sue straordinarie competenze accumulate in tanti anni di interventi che hanno riguardo la nostra penisola: dai terremoti, dalle alluvioni, dissesti idrogeologici, incendi e incidenti ambientali“.

Prima del tradizione taglio del nastro, sua Eccellenza il Vescovo ha impartito la solenne benedizione a cui è seguito il momento molto suggestivo dell’atterraggio sulla nuova Elisuperficie dell’elicottero del soccorso sanitario regionale “Icaro”. Spenti i rotori gli studenti hanno potuto visionare da vicino il mezzo e chiedere dettagli e curiosità direttamente ai componenti dell’equipaggio. Una bella giornata quindi che aperto una nuova importante pagina per la Protezione Civile del Piceno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *