Grande guerra, finanziato il programma commemorativo 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In risposta a un avviso per la selezione di iniziative culturali commemorative della Prima Guerra Mondiale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il progetto del Comune di San Benedetto del Tronto si è classificato 16esimo su 1.200 presentati in tutta Italia.

Unico comune delle Marche a rientrare nei 45 progetti finanziati dalla “Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale” della Presidenza del Consiglio dei Ministri, San Benedetto ha partecipato con un progetto redatto in collaborazione con “l’Istituto Provinciale per la Storia del Movimento di Liberazione nelle Marche e dell’Età Contemporanea di Ascoli Piceno” diretto dal prof. Costantino Di Sante.

In particolare, il Comune ha incentrato il proprio progetto sul programma del convegno internazionale di studi sull’Adriatico svoltosi nei giorni 16 e 17 ottobre nel corso del quale, oltre a rievocare gli eventi, si sono studiate le prospettive di cooperazione e sviluppo nell’ottica della Macroregione Adriatico – Ionica. Ma il convegno era inserito nel ricco calendario di iniziative organizzate dall’Amministrazione comunale per i 100 anni dall’entrata in guerra dell’Italia e ricordare gli accadimenti della Grande Guerra con lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza, in particolare gli studenti, su fatti che hanno coinvolto anche la nostra Città.

“Siamo onorati di aver ottenuto questo prestigioso riconoscimento – dichiara il sindaco Gaspari – siamo certi che essere l’unico comune marchigiano a vedere il proprio progetto culturale finanziato dipenda dalla bontà delle iniziative proposte e in particolare dall’autorevolezza dei relatori che hanno preso parte al convegno di ottobre. Ricordo la presenza di docenti universitari degli atenei di Bolzano, Lubiana, Patrasso, Siena, Urbino, Macerata, Teramo e dell’ambasciatore Fabio Pigliapoco, Segretario Generale “Adriatic and Ionian Initiative”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *