Femminicidio: Auser, fermiamo “stillicidio donne uccise e violate”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“Nonostante i continui passi avanti, sono ancora tante le storie di violenza. Sebbene la legge da una parte tuteli le donne che denunciano, dall’altra quasi per ironia, le protegge sempre meno”. Lo afferma, a pochi giorni dalla Giornata internazionale contro la violenza alle donne, l’Osservatorio pari opportunità di Auser, da anni impegnato a diffondere la cultura della diversità di genere, prevenendo o arginando la violenza sulle donne. “La prevenzione – si legge in un nota – passa anche attraverso un cambiamento della società, dalla scuola ai luoghi di lavoro e aggregazione, della pubblicità e dei media che spesso mercificano il corpo femminile e del linguaggio che viene usato da parte di tanti uomini”. In occasione della Giornata internazionale che ricorre il 25 novembre, “le donne e gli uomini dell’Auser dicono no alla violenza e all’indifferenza. Basta allo stillicidio di donne uccise, ferite, violate”. Ricordando il massacro di Chiara Insidiosa Monda e il recentissimo omicidio della 23enne Nicole a Roma, l’Auser afferma che “occorre contrastare una cultura che sottovaluta il femminicidio, estrema conseguenza della violenza sulle donne che spesso avviene dopo numerosi episodi di violenze, sia fisiche sia psicologiche”. Così come “va fatto emergere – concludono – il fenomeno sotterraneo, ma assai diffuso, della violenza nei confronti delle donne anziane, da parte spesso degli stessi familiari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *