Monsignor Galantino: “Dio ci costituisce annunciatori della misericordia”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

avventoIl Signore vi faccia crescere e sovrabbondare nella  misericordia” è il filo conduttore del Sussidio liturgico per l’Avvento e il Natale 2015, curato dall’Ufficio liturgico nazionale della Cei, e disponibile online. Il sussidio si divide nei due tempi di Avvento e Natale, rispettando la loro natura liturgica propria. Per ogni domenica e festività si propongono riflessioni bibliche, indicazioni liturgiche, suggerimenti per l’animazione musicale e orientamenti catechistici. Alcune sottolineature aiutano a collegare la celebrazione con il cammino giubilare della Chiesa universale, e con il percorso peculiare delle Chiese in Italia. Per ogni domenica di Avvento (e per la solennità dell’Immacolata) si sottolinea l’annuncio della misericordia, spiega  don Franco Magnani, direttore dell’Ufficio, “rilevando i numerosi richiami presenti nell’annuncio profetico, nel discorso escatologico di Gesù, nella figura del Battista, e nell’incontro tra Maria ed Elisabetta, destinate ad essere madri secondo il progetto di Dio”. Le domeniche e le festività del tempo natalizio presentano come luoghi della misericordia “i grandi ambiti che valgono anche per noi – prosegue don Magnani -. Si tratta della famiglia, del mondo, del creato, della Chiesa, della fraternità. Essi restano anche nel nostro tempo ambiti di incarnazione, in cui siamo invitati a riscoprire la presenza di Cristo, e ad annunciarla”. Sia nel tempo di Avvento, sia nel tempo di Natale, la parte esortativa del commento biblico è stata connessa ad una delle “cinque vie verso l’umanità rinnovata” del Convegno di Firenze. Come avviene da tempo, il Sussidio è proposto attraverso la tecnologia informatica, per favorirne una capillare diffusione e accessibilità. Il Sussidio propone anche il testo della benedizione domestica dei figli, della benedizione dei fanciulli, e un contributo, tratto dal “Direttorio su pietà popolare e liturgia”, sui tradizionali simboli natalizi: il presepe e l’albero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *