Diocesi, domenica 29 novembre si celebrerà la 65ª Giornata Nazionale del Ringraziamento

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Cattedrale (18)Di Franco Veccia

DIOCESI – A pochi mesi della pubblicazione dell’Enciclica “Laudato Sì” di Papa Francesco, domenica 29 novembre si celebrerà presso la Cattedrale Santa Maria della Marina  S.Benedetto del Tronto la “65ª Giornata Nazionale del Ringraziamento

Programma
Ore 10.30 Ritrovo in Piazza Nardone, davanti alla Cattedrale – Accoglienza
Ore 11,00 Celebrazione S. Messa presieduta da Sua Ecc. Mons. Carlo Bresciani
Ore  12,00 Benedizione dei mezzi di lavoro – momento conviviale

L’enciclica di papa Francesco, invita tutti gli uomini che abitano la terra alla “cura della casa comune”.
Già Papa Benedetto XVI ci ricordava che “ciò implica l’impegno di decidere assieme, con l’obiettivo di rafforzare quell’alleanza tra essere umano e ambiente che deve essere specchio dell’amore creatore di Dio, dal quale proveniamo e verso il quale siamo in cammino”.

La creazione è un processo ancora aperto nel quale l’azione dell’uomo è un riflesso dell’azione creatrice di Dio.
Papa Francesco lo fa usando le parole dell’etica e della Dottrina sociale, ma radicandole anche – con Francesco d’Assisi – nel linguaggio della bellezza e della meraviglia: “Il mondo è qualcosa di più che un problema da risolvere, è un mistero gaudioso che contempliamo nella letizia e nella lode”

Celebriamo, dunque, con gratitudine e speranza la festa del ringraziamento, come abitatori e custodi responsabili della terra affidataci, facendo nostre le parole di papa Francesco: Signore Dio, Uno e Trino, comunità stupenda di amore infinito, insegnaci a contemplarti nella bellezza dell’universo, dove tutto ci parla di te. Risveglia la nostra lode e la nostra gratitudine per ogni essere che hai creato. Donaci la grazia di sentirci intimamente uniti con tutto ciò che esiste.
Dio d’amore, mostraci il nostro posto in questo mondo come strumenti del tuo affetto per tutti gli esseri di questa terra, perché nemmeno uno di essi è dimenticato da te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *