Siria: mons. Chada (siro-cattolico), “ad Aleppo sono rimasti i più poveri”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SYRIA / ALEP-CLD 14/00047  Emergency help for the displaced families in Aleppo (end 2014 + 2015) ONLY THIS VERY SMALL FILE QUALITY AVAILABLE“Le poche risorse a disposizione non ci permettono di provvedere ai tanti bisogni dei nostri fedeli”. Così racconta ad Aiuto alla Chiesa che Soffre, monsignor Denys Antoine Chahda, arcivescovo siro-cattolico di Aleppo, descrivendo le drammatiche condizioni in cui versa la sua comunità, oggi formata da appena 800 famiglie, rispetto alle 1.500 di prima dell’inizio della guerra. “Di queste – dice il presule – ben 750 ricevono aiuti dalla Chiesa: vestiti, viveri, medicine e, perfino, un contributo economico per l’acquisto di beni di prima necessità, come ad esempio il gasolio. L’inverno ad Aleppo è molto freddo e dal momento che da diversi mesi la città è senza corrente elettrica, il combustibile è l’unico modo che hanno le famiglie per riscaldarsi”. Moltissime famiglie hanno perso la propria casa e la Chiesa cerca di fornire un alloggio ai fedeli mettendo a disposizione anche chiese e conventi. “Le famiglie cristiane che sono rimaste, sono le più povere – afferma monsignor Chahda – perché chi ne aveva la possibilità ha lasciato il Paese”. I bombardamenti non hanno risparmiato la cattedrale, né l’arcivescovado siro-cattolico, ma fortunatamente le chiese della diocesi sono ancora agibili e frequentate. “Ogni giorno celebriamo la Messa. Grazie a Dio, Aleppo è difesa dall’esercito siriano e Isis non è riuscito a penetrare in città. Altrimenti non sarebbero rimasti né cristiani, né musulmani”, conclude l’arcivescovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *