Grottammare, convegno “l’informazione entra in carcere per parlare di minori”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

GROTTAMMARE – Che succede ai bambini quando i genitori finiscono in carcere? Quali sono le reazioni dei minori davanti alle locandine, ai titoli e agli articoli dei giornali che raccontano “come papà ha ucciso mamma”? E quando sono gli stessi ragazzini a finire dentro, quale percorso seguono? Oltre 100 mila bambini entrano nelle carceri italiane per dare continuità al legame affettivo con i genitori reclusi. Quanto pesano le parole dei media sulle loro vite?

Se ne parlerà sabato 21 novembre alla Sala Kursaal di Grottammare (AP), dalle 9 alle 16, nella seconda edizione della giornata formativa “La Carta di Milano e il peso delle parole – l’informazione entra in carcere” che quest’anno approfondirà il tema: minori fuori e dentro le mura.

L’evento, promosso dall’ordine dei giornalisti delle Marche in collaborazione con “IO e CAINO” il periodico del carcere di Ascoli Piceno, ha ottenuto il patrocinio del Ministero della Giustizia e l’egida degli Stati Generali dell’Esecuzione Penale.

Collegato via Skype da Roma, interverrà il Capo dipartimento per la Giustizia minorile, Francesco Cascini, e introdurrà i lavori il coordinatore del Comitato scientifico degli Stati generali dell’esecuzione penale, Glauco Giostra.

Tra i relatori anche la direttrice dell’Ufficio Servizi Sociali per i Minori presso il tribunale dei minorenni di Ancona, Patrizia Giunto, il sostituto procuratore presso la Procura generale dell’Aquila, Ettore Picardi, il presidente della Camera penale di Ascoli Piceno, Mauro Gionni (difensore di parte civile nel processo Parolisi), e l’ex psicologa del carcere di Ascoli Piceno, Marisa Barletta.

Previste le testimonianze di Lia Sacerdote, presidente dell’associazione “Bambini senza sbarre” (in collegamento Skype da Milano) che presenta “Telefono Giallo”, l’applicazione che consente ai figli dei detenuti di avere informazioni sul funzionamento del carcere, e di un papà, detenuto nella casa circondariale di Ascoli Piceno.

Apre l’incontro il presidente dell’Ordine dei giornalisti delle Marche, Dario Gattafoni. La giornata è coordinata da Teresa Valiani, direttore di IO e CAINO, collaboratrice dell’agenzia di stampa Redattore Sociale.

Iscrizione in piattaforma. Sono riconosciuti otto crediti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *