“Sibillini in rosa”, a Montedinove torna il Festival insieme a diversi eventi culturali ed enogastronomici

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di lauretanum

MONTEDINOVE – Il “Borgo Autentico” (certificazione rilasciata dall’Associazione Nazionale BAI) di Montedinove è posto sul colle più alto della zona, tra le valli dei fiumi Aso e Tesino, alle pendici estreme dei Monti Sibillini. Il territorio di Montedinove, oltre che per le bellezze naturalistiche, è noto per la presenza di una vocazione produttiva frutticola molto antica, legata alla coltivazione della mela rosa.

La mela rosa dei Sibillini, fra i tre presidi individuati nel Piceno insieme al formaggio pecorino dei Sibillini e l’oliva tenera ascolana, appartiene a una specie molto antica, coltivata da sempre sui Monti Sibillini, tra i 400 e i 900 metri d’altitudine.

Di forma piccola e irregolare, leggermente schiacciate, queste mele si riconoscono per il colore verdognolo dalle sfumature rosate, per la polpa zuccherina e il profumo intenso e aromatico. In passato, alla mela rosa era attribuito un enorme valore, poiché, raccolta in ottobre, si conservava intatta fino a primavera, diventando addirittura più buona, perché con il tempo la sua polpa si ammorbidisce. In anni recenti, partendo da qualche vecchio albero sopravvissuto, la Comunità Montana dei Sibillini ha voluto riscoprire e rivalorizzare questa importante coltura, recuperando il suo valore di prodotto e di elemento culturale locale forte, e ha quindi reimpiantato i vecchi alberi su circa otto ettari di terreni. In questo modo, è stato possibile recuperare un antichissimo prodotto che, oltre a essere gustoso e ricco di sapore, e a essere tipico del territorio dei Sibillini, ha anche il vantaggio di essere assolutamente sano, perché soggetto ad un rigido disciplinare di produzione. La mela rosa s’inserisce a tutti gli effetti tra i sapori dei Sibillini e, insieme al pecorino o alla castagna, tipicità di più alta quota, è una testimonianza materiale importante dello stile di alimentazione genuino dell’area interna del Piceno. Oltre a una visita alle aziende agricole che coltivano la mela rosa, un’ottima occasione per fare esperienza diretta della bontà e genuinità di questa specie frutticola è rappresentata dall’evento “Sibillini in rosa”, Festival gastronomico dedicato alla mela rosa, che si tiene a Montedinove, subito dopo la conclusione della stagione della raccolta, e che quest’anno sarà proposto nella cittadina collinare nell’ultima fine della settimana di ottobre, a cavallo con l’inizio del mese di novembre e la Festività di Tutti i Santi.

Sibillini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *