A Comunanza approda l’associazione “Le cento città”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ComunanzaCOMUNANZA – “Le Cento Città“, Associazione per le Marche no profit nasce nella consapevolezza dei crescenti problemi derivanti da una ormai generalizzata competizione globale, si pone lo scopo di promuovere e coordinare studi ed azioni finalizzati a rafforzare l’identità culturale della regione Marche e a favorirne lo sviluppo economico e sociale, attraverso la conoscenza e la valorizzazione delle realtà esistenti, il recupero e la tutela del passato, la collaborazione tra soggetti pubblici e privati, la partecipazione al dialogo culturale sul piano interregionale ed europeo, nonché con le comunità marchigiane all’estero.

Le Cento Città” è composta da un insieme di persone che si propongono, in spirito di libertà’ e di leale rispetto delle legittime diversità’ di opinione. Ha l’intento di avanzare e di appoggiare alcune buone idee e renderle note inoltre è una occasione di incontro e di approfondimento culturale rivolta a far conoscere le Marche ai marchigiani che, anche a motivo di scarsi mezzi di informazione, per molti versi le ignorano.
Domenica 25 ottobre con il patrocinio del Comune di Comunanza, l’associazione approda a Comunanza presso l’Auditorium A. Luzi per una mattinata tutta Comunanzese.

Alle ore 10:00 il saluto del Sindaco Alvaro Cesaroni e dell’assessore alla cultura, con l’introduzione del Presidente delle Cento Città Dr. Luciano Capodaglio.
Alle ore 10:20 la Prof.ssa Anna Lo Bianco relazionerà su: “I magnifici pittori di Comunanza”, mentre alle ore 11:00 sarà la volta del Dr. Paolo D’Erasmo: “L’alta Val d’Aso e la Comunanza di oggi; quale sviluppo?”.
Alle ore 11.30 ci sarà la visita al Museo di Arte Sacra e all’Organo Monumentale nella Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria. Una mattinata dedicata alla conoscenza del paese ai piedi dei Sibillini che tante risorse nasconde e costantemente stupisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *