Troppi italiani col grilletto facile

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ladroÈ scritto “legittima difesa” ma si legge “omicidio volontario”. L’ultimo a sparare, in ordine di tempo, è stato il proprietario di una villetta a Vaprio D’Adda. L’uomo, che adesso è indagato per aver provocato volontariamente la morte del ladro colpito al petto da un colpo di pistola, è un pensionato che ha subito almeno tre furti in casa negli ultimi mesi. Ieri sera una fiaccolata di simpatizzanti si è riunita sotto il balcone in segno di solidarietà.
La triste conta, che non conosce differenze territoriali tra il nord e il sud del Paese, pone con sempre maggiore urgenza la necessità di una riflessione sul grado di sicurezza avvertito dagli italiani. Perché se è vero che il numero delle armi in circolazione è pressoché costante negli anni, non si può dire altrettanto delle persone disposte a sparare per difendere l’incolumità dei familiari o la proprietà privata. Talvolta anche travalicando i limiti posti dal principio della legittima difesa, che nel nostro ordinamento rende non punibile chi abbia commesso un fatto perché è stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio o altrui contro un pericolo attuale di un’offesa ingiusta. I casi recenti di cronaca, infatti, annoverano una serie di indagati per eccesso colposo di legittima difesa, ovvero una risposta difensiva sproporzionata rispetto all’aggressione. Quale sia il limite tra giustezza ed eccesso, in condizioni spesso concitate e con attori non avvezzi all’uso delle armi, è compito difficile da stabilire anche per i magistrati.
Al di là della strumentalizzazione politica, resta aperta la questione della percezione di un’incertezza che in tante zone del Paese, dove i controlli delle Forze dell’ordine sono scarsi e la paura di essere in balia dei malviventi è alta, dà la stura a reazioni istintive per tutelare beni e affetti. Soprattutto quando è diffusa la convinzione che le pene non siano certe per chi attenta alla sicurezza personale. È lo Stato a dover difendere i cittadini, questo è chiaro. Ma il disagio di un numero sempre crescente di italiani merita una risposta pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *