Varato il piano delle opere pubbliche, tre impegni da attuare nel 2016

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nella seduta di ieri, 15 ottobre, la Giunta comunale presieduta dal vicesindaco Eldo Fanini ha adottato il Programma triennale delle opere pubbliche 2016 – 2018 con relativo elenco annuale delle opere previste per il 2016.

“Con questo documento formalizziamo la realizzazione di tre opere che ci siamo impegnati ad avviare o completare prima della scadenza del mandato – spiega Fanini – coerentemente con quanto promesso pochi giorni fa alle società sportive, abbiamo inserito la somma di 600 mila euro, proveniente dall’alienazione delle tre ex scuole cittadine, per la messa a norma della vasca esterna del complesso natatorio “Gregori”. Presto verrà pubblicato il bando e l’auspicio è che, trattandosi di siti molto appetibili, ci possano essere offerte adeguate. Già con la prima vendita, se l’importo sarà adeguato, potremo dar corso a questo intervento”.

Nell’elenco delle opere 2016 c’è poi il completamento della riconversione dell’ex palazzo di giustizia per rendere fruibile anche il secondo piano ad uso delle classi della “Curzi”. “I fondi, 500mila euro, provengono dalla monetizzazione di standard urbanistici e il cantiere potrà essere aperto in contemporanea con lo svolgimento delle lezioni al piano inferiore. Dall’anno scolastico 2016/2017, quindi tutte le classi della “Curzi” si trasferiranno in piazza Dalla Chiesa”.

“Il terzo progetto che troverà attuazione – prosegue Fanini – non è contenuto nel piano ma sarà previsto nella variazione di bilancio all’ordine del giorno del Consiglio comunale del 22 ottobre. Avremo da subito a disposizione 200mila euro che serviranno a realizzare la prosecuzione della pista ciclabile di via Gino Moretti fino all’intersezione con viale De Gasperi. Sarà a sbalzo sull’alveo del torrente Albula in prosecuzione con i lotti già realizzati a partire da via Manara. Si tratta di una novità rispetto al progetto originario – conclude il vicesindaco – che prevedeva una semplice suddivisione del marciapiede tra percorso pedonale e percorso ciclabile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *