Le casette rifugio per ghetti moderni

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

casettaLa notizia delle casette tipicamente in stile “low cost” prodotte da una grande azienda svedese per ospitare gli immigrati, è di quelle che non passano inosservate. La società di arredamento a basso costo starebbe iniziando a diffonderle in Europa, alla luce dell’arrivo nel nostro continente di un numero crescente di rifugiati e profughi. Due di queste casette sarebbero già state acquistate, per saggiarne la resistenza, in un cantone della Svizzera, ma pare che l’intento sia quello di procedere rapidamente ad acquisti rilevanti, nell’ordine di alcune centinaia, per non farsi trovare impreparati qualora la fiumana dei migranti dovesse raggiungere anche il suolo elvetico.
A parte la descrizione delle “casette” svedesi, con i loro 17,5 metri quadri di superficie, montabili in 4 ore e dal costo molto contenuto (poco più di 1.000 euro), la domanda che ci si pone è: l’accoglienza che il Papa chiede sia riservata alle migliaia di migranti dai Paesi stremati dalle guerre e dalla povertà sarà davvero questa? Non è per banalizzare la questione, e nemmeno perché ci sia qualche retropensiero sul valore commerciale e strutturale di questa soluzione di emergenza, che la stessa azienda produttrice ha battezzato “Better shelter” (il “rifugio migliore”). Piuttosto è giusto interrogarsi se il futuro delle migliaia di migranti che giungeranno da noi debba avere come approdo grandi campi di accoglienza fatti di queste casette di 17,5 metri quadrati, oppure se non si debba pensare da subito a qualcosa di diverso.
Il timore, realistico, è che la “scorciatoia” delle casette-rifugio potrebbe fare capolino nella mente di più di un governante: con 1.000 euro per ciascuna casetta si sistema una famiglia, fino a cinque persone, e – voilà – il gioco è fatto. Basta poi stanziare qualche centinaio di euro mensile per gli alimenti e le prime necessità ed ecco realizzati i moderni ghetti europei, creando campi ai margini delle grandi città, lontani da occhi indiscreti e dove i migranti dovranno iniziare una nuova vita difendendo con le unghie e con i denti la loro piccola provvisoria villetta. È questo che si profila all’orizzonte? Noi lo escludiamo categoricamente. Eppure, il realismo elvetico sembra andare in questa direzione: cominciano a comprarne alcune centinaia, perché l’inverno è vicino e, se i migranti arrivano, dove li mettiamo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *