Cardinale Parolin a Radio Vaticana: dare voce alla “Chiesa in uscita”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Cardinale Parolin“Fate risuonare chiaro e forte il messaggio evangelico” e siate “esempio di buona informazione”. È l’esortazione rivolta dal cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, nella Messa celebrata a Palazzo Pio, in occasione della Festa di San Gabriele Arcangelo, patrono della Radio Vaticana, che compie 84 anni. Hanno concelebrato mons. Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per la comunicazione, il direttore generale, padre Federico Lombardi, e padre Andrzej Koprowski che, proprio oggi – dopo dieci anni di servizio – ha concluso il suo impegno di direttore dei Programmi dell’emittente. A succedergli, il cardinale segretario ha nominato padre Andrzej Majewski, in passato già responsabile della redazione polacca della Radio Vaticana. Parolin ha augurato alla Radio di essere “sempre capace di rinnovarsi, rimanendo al contempo fedele a se stessa” e di diventare “strumento sempre più efficace al servizio del Papa e di quella Chiesa in uscita, che è la sua consegna a tutti noi”. 

“Analogamente alla Chiesa, che sulla scena internazionale non ha nulla da difendere, se non la verità e la dignità dell’essere umano, e fa sentire a questo scopo la sua voce – ha detto Parolin – così Radio Vaticana non ha altro obiettivo che far risuonare chiaro e forte il messaggio evangelico e di essere esempio di buona informazione”, anche usando “nuovi mezzi come il web”, per fornire “un’informazione credibile” nel continente digitale, attraverso 79 programmi giornalieri trasmessi in 40 lingue. Il cardinale Parolin ha osservato che “l’interesse per l’opera e l’azione del Santo Padre e della Santa Sede passano attraverso uno stile che si riconosca per limpidezza, serenità, capacità di approfondire con il dialogo e lo studio, le questioni più spinose che l’attualità pone”. E non ha mancato di sottolineare che la missione della Radio Vaticana viene “apprezzata dal Papa e dai superiori”. Il porporato ha citato in particolare la nuova Segreteria per la comunicazione, guidata dal prefetto, mons. Viganò: “Questa Segreteria sa di poter contare sull’esperienza, sulla disponibilità e sulla collaborazione del personale della Radio, che costituisce una componente fondamentale di questa nuova realtà e che pertanto potrà e dovrà dare un contributo essenziale per la riuscita dell’impresa comune”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *