Madonna Addolorata a Grottammare, fine del Settenario con tante confraternite

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

27_settembre_donclusione_settenario_confraternite 1GROTTAMMARE – Non solo quella di Grottammare, della “Passione e Morte di Gesù e dei Dolori di Maria Vergine”, semplicemente chiamata “dell’Addolorata”, ma anche la confraternita di San Giorgio di Cossignano, quella del SS.mo Sacramento di Monteprandone e quella del Suffragio e Cristo Morto di Cupra Marittima si sono riunite per vivere un momento di fede e di incontro a Grottammare. Occasione è stata la conclusione del settenario dedicato alla Madonna Addolorata, organizzato dalla confraternita locale da secoli e dal parroco di San Pio V, Don Giorgio Carini, ma predicato da Don Guido Coccia. Una messa a San Pio V , celebrata da Don Guido e “colorata” dalle vesti rosse, nere, bianche e celesti delle confraternite intervenute. Sulla scia del lontano Giubileo del 2000, quando per la prima volta tutte le confraternite d’Italia si radunarono a San Pietro vicino a Giovanni Paolo II, Grottammare nel suo piccolo infinitesimale, ha voluto imitare questa bella occasione di preghiera e di ritrovo.

“I dolori di Maria – ha spiegato Don Guido – sono gli stessi di Gesù, ossia i dolori e le sofferenze di Gesù sono i medesimi di Maria, perchè la Chiesa condivide tutto di Gesù Cristo”. Dopo la celebrazione, intensamente vissuta, si è svolta la processione , per dare un segno tangibile del rispetto che si vuole offrire alla Vergine, invocata , in questa particolare occasione, con il titolo di “Addolorata”, cioè Maria che piange sotto la Croce il Figlio ucciso, simbolo della condivisione della sofferenza di tutte le madri e in generale di tutta l’umanità di ieri e di oggi. Al termine, c’è stato un incontro conviviale dove le confraternite hanno avuto modo di fraternizzare. Era presente anche Don Nicola Spinozzi, che accompagnava una di loro. Presso i locali parrocchiali di Sant’Agostino, di cinquecentesca memoria, è stato organizzato un ritrovo frugale per conoscersi e creare “coomunità”, il che risulta essere senz’altro molto positivo, perchè solitamente, i gruppi e le varie organizzazioni ecclesiali, tendono a fare gruppo a se stante e a chiudersi.

Proprio per promuovere il contrario, ci si è voluti riunire tra varie confraternite di diversi paesi dell’ascolano.

Susanna Faviani

Giornalista pubblicista dal '98 , ha scritto sul Corriere Adriatico per 10 anni, su l'Osservatore Romano , organo di stampa della Santa Sede per 5 anni e dal 2008 ad oggi scrive su L'Avvenire, quotidiano della CEI. E' Docente di Arte nella scuola secondaria di primo grado di Grottammare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *