Force e i suoi artisti, inaugurata la nuova mostra di Tanya Del Bello

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

PICENO – La pittura e la musica, una combinazione di forme artistiche in apparenza molto distanti tra loro, una caratterizzata da colori, linee e forme, la seconda invece basata sui suoni.
Quando ascoltiamo musica di riflesso pensiamo alla pittura, per l’assonanza di espressioni come il colore o timbro dello strumento associato alla vibrazione dei colori che entrambi rappresentano una forma astratta ma emozionale. La bellezza di tracciare una riga su un foglio di carta con una matita è uguale alla prima volta che si premono i tasti di un pianoforte. E’ quanto cerca di trasmettere Tanya Del Bello, pittrice nata a Force 40 anni fa, che racconta se stessa in una mostra fino al 20 di ottobre alla Libreria Rinascita di Ascoli Piceno.

La mostra è visitabile tutti i giorni dalle ore 9.30 alle ore 20.00

Nasce come pura autodidatta ed è da sempre molto appassionata alle svariate tecniche pittoriche ed artistiche. Ha avuto fin da piccola la passione per il disegno, coltivandolo con molta dedizione. Ha frequentato e frequenta corsi di pittura ed ha svolto diverse mostre nel territorio dell’ascolano e non.
Nel 2014 ha vinto il primo premio del concorso di pittura “Il Sogno” ad Acquaviva Picena ed è prossima ad una mostra di pittura a Torino. Amante anche della poesia, ha partecipato a svariati concorsi nazionali. Per lei “buttare giù” qualche parola, significa muovere quelle “corde” più profonde della sua anima, fermando, inoltre, quell’attimo che le ha catturato pensieri e parole. L’arte per lei è evasione pura, preghiera e meditazione potente. É quella “sana follia” che esprime le emozioni più profonde. La sua pittura racconta in maniera molto evanescente la sensazione del momento emozionando in tutte le sfumature. Colore e passione vibranti nella cornice di un paesaggio come quello dei Sibillini, che fanno da sfondo alla colonna sonora di un artista, rendendola unica e melodica nelle sue radici.

mostra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *