Volontari diocesi “Rubrica dal carcere”… detenuto: “Ho un cane che si chiama Tommy”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

caneDIOCESI – Prosegue la nostra “rubrica dal carcere” leggi i precedenti articoli curata dai volontari della nostra diocesi del gruppo “Il Mosaico”.

Questa settimana i volontari hanno chiesto ai detenuti di parlare dei propri animali, vi proponiamo i primi due racconti.

Ho un cane che si chiama Tommy. È molto tenero e dolce. Una volta è scappato e l’ha trovato il mio veterinario a San Benedetto, legato ad un palo. Quando sono arrivato e l’ho visto sono scoppiato di gioia e lui con me.  Adesso è a casa, gli voglio bene come fosse un figlio: quando ero fuori dal carcere lo portavo sempre a fare i bisogni, a passeggiare, al mare, insomma passavo del tempo con lui. Non vedo l’ora di uscire per rivederlo, finalmente; per quanto gli voglio bene mia sorella ha inserito un ciuffo di peli in una delle lettere che mi ha inviato! Per me gli animali sono migliori delle persone, a loro manca solo la parola.  (F.B.)

Mi piacciono i gatti… semplicemente perché sono così affascinanti….sempre sdraiati su un letto o appollaiati su una sedia. Non danno nessun disturbo e, infatti, sono il miglior animale domestico che si possa avere. Amo avere un gatto nella mia vita. (E.E.S.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *