“Madonna del Soccorso”: doppia donazione della Banca Picena Truentina

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

prontosoccorso2_7536SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Repetita juvant” dicevano i latini e mai come in questo caso l’affermazione può considerarsi giusta.
La Banca Picena Truentina, nel 2015, reinveste ancora sul territorio e ripeterà come accade da diversi anni la sua donazione: saranno due gli strumenti che andranno a potenziare i servizi dell’Ospedale “Madonna del Soccorso” di San Benedetto del Tronto.

Come di consueto, la consegna effettiva dei due strumenti avverrà in coincidenza con le festività natalizie ma è già possibile identificarli: si tratta di un ecografo con 4 sonde per ecografia senologica, addominale, endoanale e intraoperatoria destinato al dipartimento di Chirurgia (U.O. di Chirurgia Generale) e un sistema Polivalente di Registrazione HOLTER per l’unità di Cardiologia.

Con questa donazione – sottolinea il Presidente della Banca Picena Truentina Aldo Mattioli – vogliamo contemporaneamente ribadire la nostra vicinanza alla struttura ospedaliera “Madonna del Soccorso” e sostenere la “politica del fare” che ci contraddistingue. Consideriamo questa struttura un punto di riferimento per il territorio ed abbiamo chiesto ai responsabili del nosocomio di garantire che le attrezzature da noi donate restino presso questo ospedale civile, a vantaggio della collettività.

Soci, dipendenti e organi sociali della Banca Picena Truentina da molto tempo hanno rinunciato alle risorse loro dedicate per i regali natalizi e si impegnano per fare un “regalo”, molto più importante, alla popolazione locale: il principio della mutualità e quello della solidarietà sono, invero, previste dagli statuti delle Banche di Credito Cooperativo ma la costante attenzione della Banca Picena Truentina verso determinati servizi collettivi considerati indispensabili dimostra una visione dello sviluppo del tessuto socio-economico in cui il credito cooperativo è uno dei protagonisti del futuro del nostro territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *