Siria, i cristiani vivono una situazione drammatica

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Siria“Da cinque anni ormai stiamo aspettando che arrivi una soluzione politica per fermare il conflitto in Siria, ma l’impressione è che la comunità internazionale non abbia realmente intenzione di far cessare questa guerra. Le comunità cristiane stanno vivendo una situazione drammatica: in città, come Aleppo, molti quartieri storicamente cristiani sono ormai deserti”. Lo ha dichiarato monsignor Antoine Audo, arcivescovo caldeo di Aleppo in Siria, nel corso di una conferenza stampa dal titolo “Cristiani di Siria: aiutateci a rimanere” che si è tenuta stamane nella sede romana dell’Associazione Stampa estera. Monsignor Audo, che dall’inizio della crisi in Siria, non ha mai smesso di richiamare l’attenzione della comunità internazionale sulle drammatiche condizioni in cui vivono i suoi fedeli, ha affermato che “in Siria ci sarebbero tutte le condizioni per vivere in pace, ma ci sono evidenti problemi di sicurezza e le città maggiormente colpite dalla guerra, come Homs, Aleppo e Damasco, sono ormai diventate teatro di bombardamenti quotidiani. La vera missione della comunità internazionale – ha aggiunto mons. Audo – dovrebbe essere quella di dar voce alle comunità cristiane presenti su questo territorio e che sono assediate dall’estremismo islamico: chi vive ad Aleppo teme di subire la stessa sorte che è toccata ai cristiani di Mosul lo scorso anno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *