Vescovo Carlo Bresciani agli studenti “Non accontentatevi di mete facili e immediate, aspirate alle cose più belle e più grandi”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

DSC_0038DIOCESI – “Carissimi ragazzi e ragazze, inizia un nuovo anno scolastico e ogni mattina riprendete la strada verso la scuola dove vi attendono docenti e personale che la fanno vivere e la rendono accogliente. Le strade di accesso riprendono ad essere animate dal vostro piacevole chiacchiericcio mattutino fatto di tante voci allegre, anche se ancora un po’ assonnate. Tutta la comunità nazionale fa uno sforzo notevole per prepararvi alla vita e alle sfide che riserva a ciascuno di noi. Non pensate di poterla affrontare da sprovveduti: la scuola è un aiuto indispensabile per il vostro futuro personale e per quello della nostra nazione”.

Lo scrive, nel suo messaggio per l’inizio della scuola, il vescovo di San Benedetto del Tronto – Ripatrandone – Montalto, monsignor Carlo Bresciani.

“Vi seguo con simpatia, condividendo la vostra gioia di vivere e di stare insieme, le vostre ansietà e la vostra insaziabile curiosità che vi apre al gusto della ricerca e dell’apprendimento, fatto, più che di nozioni, di nuovi orizzonti nei quali trovare la strada della vostra vita.

Non accontentatevi di mete facili e immediate, aspirate alle cose più belle e più grandi: solo a chi dà molto la vita restituisce molto di più. Il dono dell’intelligenza, che Dio vi ha dato, ha bisogno di molto esercizio, perché ci sostenga solidamente nella corsa della vita.
Abbiate sempre molta stima di coloro che vi accompagnano in questo cammino e vi stimolano a trarre il meglio da voi e siate grati anche alla società che vi dà la possibilità di godere di questi anni di formazione. Seguite come guide affidabili i docenti e tutto il personale della scuola che lavorano per il vostro bene presente e futuro.

Accompagno tutti voi, i vostri docenti e tutto il personale della scuola con la mia preghiera a Colui che è il datore di ogni bene e a Lui e alla sua benevolenza vi affido con grande affetto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *