FOTO Celebrata la “Decima giornata del creato” a Montemonaco

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Massimo Cerfolio

DIOCESI – “Dovevamo parlare di sorella acqua? Bene! Ci ha aperto tutti i rubinetti.” Così, Don Giuseppe Capecci direttore dell’ufficio della Pastorale del Lavoro della Diocesi di Ascoli Piceno ha iniziato la “decima giornata per la custodia del creato”, tenutasi nel comune di Montemonaco.

La pioggia sottile, ha accompagnato sin dalle prime ore del mattino quasi tutta la giornata, permettendo al sole di affacciarsi per alcuni minuti frequentemente, regalando più volte la bellissima visione dell’arcobaleno.
Il programma previsto è stato modificato dagli organizzatori con grande professionalità, non creando nessun disagio alle circa trecento persone intervenute da tutto il territorio delle due diocesi di San Benedetto del Tronto e di Ascoli Piceno.

Casa Gioiosa di Montemonaco, ha ospitato il convegno condotto in maniera eccellente da Don Giuseppe Capecci e da Franco Veccia (direttore dell’ufficio della Pastorale del Lavoro della diocesi di San Benedetto del Tronto – Ripatransone – Montalto).

Dopo la visione di un breve filmato illustrante l’enciclica e la riflessione proposta da padre Cantalamessa sui vari aspetti della stessa, ci sono stati vari interventi che hanno fatto riflettere su quella cha papa Francesco chiama la casa comune e cioè il creato, l’ambiente e sull’importanza ed il valore fondamentale dell’acqua: “l’accesso all’acqua potabile e sicura è un diritto essenziale, fondamentale e universale,perché determina la sopravvivenza delle persone, e per questo è condizione per l’esercizio degli altri diritti umani”(n. 30 Enciclica).

Ad aprire la giornata nella cappellina di “Casa Gioiosa” è stato S.E. Mons. D’Ercole Vescovo della Diocesi di Ascoli Piceno, che ha invitato tutti, partendo da noi stessi, ad essere più sensibili per custodire al meglio ciò che ci è stato affidato.

è seguito l’intervento del Sindaco di Montemonaco Onorato Corbelli, che ha sottolineato come il territorio che lui rappresenta rispecchi la descrizione, che S. Francesco D’Assisi fa nel cantico delle creature parlando della bellezza della terra.

Il naturalista Serafino Fioravanti ha invece relazionato sulla cura boschiva e forestale dando alcuni consigli pratici per il mantenimento del creato.

Molto sentito l’intervento del Presidente della CIIP spa Pino Alati, che entusiasta dell’evento, quasi emozionato, ha ringraziato ripetutamente i due Vescovi per aver organizzato l’incontro e i dipendenti della CIIP spa per l’opera giornaliera, assicurando un servizio vitale per tutti.

Mons. Carlo Bresciani ci ha sollecitato ad avere uno sguardo universale, in questo periodo di forte difficoltà per molti fratelli, uomini, donne e bambini in fuga dalle guerre e dalle violenze.
Questa solidarietà, fatta anche di gesti concreti nei confronti di questi nostri fratelli, deve esser accompagnata anche dai gesti comuni, quotidiani del rispetto dell’ambiente, delle bellezze del creato che non vanno deteriorate, dell’uso responsabile dei beni che la bontà di Dio ha donato a tutti gli uomini.

Presente all’iniziativa anche il Vice Prefetto di Ascoli Piceno Dott.ssa Anna Gargiulo, l’Assessore Provinciale Sergio Corradetti e molti Sindaci dei Comuni appartenenti alle due Diocesi, nonché: Protezione Civile, il Corpo Forestale dello Stato, Croce Rossa Italiana e il Comandante della locale Stazione dei Carabinieri accompagnato dal Capitano della Compagnia.

Il Corpo Bandistico Città di Comunanza ha allietato la mattinata con brani come “Laudato Sii” e tanti altri, inerenti al tema del creato creando un clima di gioia e serenità. Subito dopo il convegno, la Santa Messa concelebrata dai due Pastori prima di concludere la mattinata.

Il pomeriggio è stato caratterizzato dalla visita ad una delle sorgenti della CIIP spa, situata a Foce di Montemonaco, un esperienza unica ed emozionante, che inoltre rende visibile la grandezza e l’immensità della natura in confronto alla quale l’uomo non può che essere piccolissimo granello di sabbia. Una giornata per chi l’ha vissuta sicuramente piena di significato, che va ad arricchire non solo la mente ma anche lo spirito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *