Ban Ki-moon “Sono inorridito e ferito per la morte di rifugiati e migranti nel Mediterraneo e in Europa”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

immigrati“Sono inorridito e ferito per la morte di rifugiati e migranti nel Mediterraneo e in Europa”. “È necessario fare di più. Incoraggio tutti i governi ad offrire risposte comprensive, ad aumentare il numero di canali sicuri e legali per la migrazione e ad agire con umanità, compassione e nel rispetto dei loro obblighi internazionali”. A lanciare l’appello, e ad annunciare uno specifico vertice il 30 settembre al Palazzo di vetro, è stato nelle ore scorse il segretario generale dell‘Onu, Ban Ki-moon, a seguito dei ritrovamenti di migranti morti in mare, in camion e stive di navi, per lo più siriani in cerca di asilo, tra cui diversi bambini. “Nonostante gli sforzi concertati e lodevoli degli Stati europei, che hanno già salvato decine di migliaia di vite – ha detto – il Mediterraneo continua ad essere una trappola mortale per rifugiati e migranti. Queste tragedie ripetute mettono in evidenza la crudeltà dei trafficanti di uomini” e “sottolineano anche la disperazione delle persone che cercano protezione e una nuova vita”. Ricordando che gran parte di chi intraprende questi pericolosi viaggi è costituita da rifugiati che fuggono da Siria, Iraq e Afghanistan, il segretario Onu sottolinea: “Il diritto internazionale afferma – e gli Stati hanno da tempo riconosciuto – il diritto dei rifugiati a protezione e asilo politico”.

“Quando si parla di richieste d‘asilo – il monito del segretario Onu -, gli Stati non possono fare distinzioni sulla base della religione o di altre identità, né possono forzare i migranti a rientrare nei posti da cui scappano se vi sono ragioni fondate di persecuzione. Non è solamente una questione di diritto internazionale, è nostro dovere in qualità di esseri umani”. “È necessario fare di più”, insiste Ban Ki-moon sottolineando che l‘alto numero di rifugiati e di migranti “è solo il sintomo di problemi più profondi – conflitti incessanti, gravi violazioni dei diritti umani, tangibili fallimenti governativi e dure repressioni”. Alla comunità internazionale, Ban chiede anche “grande determinazione nel risolvere i conflitti e altri problemi che lasciano alle persone nessun‘altra scelta se non quella di fuggire. Se falliamo in questo compito, il numero delle persone costrette a migrare – più di 40 mila al giorno – crescerà soltanto. Questa è una tragedia umana che richiede una decisa riposta politica collettiva. É una crisi di solidarietà, non di numeri”. Auspicando che la questione sia “il focus e la priorità dei leader che si riuniranno al quartiere generale delle Nazioni unite il mese prossimo per l‘inizio dell‘Assemblea generale”, il segretario ha annunciato uno specifico vertice il 30 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *