Nuove panchine nelle pinete Ricciotti a Grottammare

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

20150722_183950GROTTAMMARE – Alle volte basta poco per creare aggregazione e nuovi spazi per socializzare. alcune nuove panchine sono state collocate sotto le pinete Ricciotti, vicino al circolo anziani e in poche ore, le abbiamo viste subito apprezzate da simpatici ospiti.
Alle volte la città, se è in funzione della collettività, può creare nuovi ambiti di ritrovo e aggregazione. Che cosa può significare una panchina? Per molti forse niente, solo un pezzo di ferro e legno per mettersi a sedere. Invece può essere un arredo urbano che avvicina le persone, che le pone fianco a fianco, gomito a gomito, così che si possano raccontare e trascorrere qualche ricordo o breve momento di condivisione. Recuperare quell'”Otium” che non è fine a se stesso, ma secondo la consuetudine latina , era inteso come “riposo”, “svago”, rasserenamento.

Forse ci stiamo troppo a “ricamare”, però le pinete Ricciotti, con le nuove panchine, anche su sollecitazione di un’amica che ce lo faceva notare, si sono arricchite di qualcosa di bello e di nuovo, semplice, ma importante per la collettività. Suggeriamo allora di installare tante nuove panchine sparse per Grottammare, cosicchè la gente, come faceva un tempo, possa mettersi seduta sui marciapiedi o vivere i piccoli spazi urbani, le piazzole, piazzette, sotto gli alberi…non tanto per prendere il fresco, anche, ma soprattutto per socializzare, chiacchierare, guardarsi negli occhi. Ciò non è importante solo per i nostri anziani, ma per tutti, anche per i ragazzi e i giovani.

Oggi abbiamo tutto, smartphone, tablet, pc ma..che cosa ci manca? a volte e facciamo tutti un mea culpa, il..guardarci negli occhi e ..raccontarci…ecco, tutta questa riflessione, grazie all’amico che l’ha suggerita e così da una semplice e banale panchina, abbiamo riflettuto sul..senso della vita. Grazie alle nuove panchine, allora.

Susanna Faviani

Giornalista pubblicista dal '98 , ha scritto sul Corriere Adriatico per 10 anni, su l'Osservatore Romano , organo di stampa della Santa Sede per 5 anni e dal 2008 ad oggi scrive su L'Avvenire, quotidiano della CEI. E' Docente di Arte nella scuola secondaria di primo grado di Grottammare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *