Se il segno di croce “spaventa” i sindaci

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
croceL’Associazione dei sindaci di Francia (Amf), preoccupata dalla “pericolosità” delle religioni in generale e mossa dalla necessità di riaffermare la “laicité de la République”, ha inserito il segno di croce fra i gesti proibiti. Infatti, nella lista dei divieti, proibisce ai calciatori di segnarsi entrando in campo, perché in questo modo rappresentano una sola parte dei cittadini che seguono quella squadra e non tutto il pubblico. Poco interessa all’Amf se poi il calciatore in campo si distingua per falli antisportivi, razzismo o indecenza verbale, l’importante è che assolutamente non riveli la propria appartenenza religiosa. Metti che poi qualcuno lo veda e gli venga in mente di ripetere quel gesto “malsano”?
Proviamo a sorriderci su. Messi entra in campo segnandosi, l’arbitro fischia e lo ammonisce, confessandogli all’orecchio che è stato così generoso solo perché il figlio ha la sua maglia, altrimenti gli sarebbe toccato il cartellino rosso. Ve lo immaginate Cristiano Ronaldo espulso da una partita per un segno di croce dopo un gol da antologia del calcio? Ma poi che fare con gli arbitri e i guardialinee che pure fanno regolarmente il segno di croce alla fine della partita, in segno di gratitudine per lo scampato pericolo? Per non parlare degli allenatori. Provate a pensare solo per un attimo a Trapattoni sulla panchina dell’Italia che, mentre versa acqua benedetta e si segna, viene cacciato dal campo. Questo fermandosi al calcio, ma mettiamo che la regola si estenda anche al rugby, visto che la nazionale francese può vantare anche diverse finali giocate in campo mondiale, anche loro andrebbero espulsi? E chi ci prova a redarguire quei marcantoni del rugby?
In conclusione: chi ha paura del segno di croce esibito dagli sportivi rischia il ridicolo. Anche se vale per tutti la regola che quel gesto ha un significato profondissimo che non va mai sprecato: segna la relazione di ciascuno con il Dio dell’Infinito. Che certo va oltre i limiti del campo di gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *