Verso il 3 Ottobre, in piazza San Pietro la luce della famiglia

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

FamigliaIl 3 ottobre è già domani. Il caldo africano di questi giorni forse ci distrae, ma come sempre accade, l’estate brucerà in un baleno e presto ci ritroveremo a fare progetti per l’autunno e l’inverno delle nostre famiglie. Appunto le nostre famiglie che hanno già una data da tenere a mente: il 3 ottobre, vigilia del Sinodo ordinario sulla famiglia. Un lungo percorso di discernimento è stato già fatto e ora il mondo cristiano, ma non solo, attende che i padri sinodali sciolgano i nodi più delicati della pastorale familiare, alle prese con la sfida di un mondo che sembra preferire la liquidità e la leggerezza delle relazioni umane. Il mondo cattolico, a livello universale, ha fatto le sue riflessioni e ha risposto al questionario inviato sin nella più lontana comunità credente. Ora tocca ai padri sinodali, insieme con Papa Francesco a cui spetta l’ultima decisione, pronunciare le parole definitive.
La Chiesa italiana dinanzi al Sinodo ha scelto di pregare insieme con le famiglie, protagoniste e destinatarie di questo appuntamento. E per invitarle, monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, ha utilizzato parole intense: “Sono convinto che nelle vostre associazioni, movimenti e nuove comunità si vedono tante belle luci familiari e vorrei che come fiaccola illuminassero piazza San Pietro la sera della veglia con Papa Francesco, il prossimo 3 ottobre”.
A ciascuna realtà ecclesiale, come ad ogni famiglia italiana, nelle prossime ore come nei prossimi giorni, l’appello di tutti i vescovi italiani sarà ripetuto con passione e convinzione. Noi ci auguriamo, da semplici cronisti, che questo invito alla preghiera per il Sinodo sia accolto da una folla immensa che faccia risplendere la luce della famiglia italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *