Schizzata al 67,9% la disoccupazione giovanile nella Striscia di Gaza

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Schizzata al 67,9% la disoccupazione giovanile nella Striscia di Gaza a un anno dall’inizio dell’operazione “Protective Edge”, con il Pil crollato di 3.9 miliardi di dollari e 19mila case da ricostruire, con l’80% della popolazione che dipende dagli aiuti umanitari. È la denuncia di Oxfam Italia che in una nota dichiara che “a un anno dalla fine della guerra, ancora pochissimo è stato fatto per sostenere la ripresa di Gaza”. Una “crisi occupazionale che colpisce anche i laureati. Sempre più giovani in cerca di un lavoro rischiano la vita, scavalcando le recinzioni al confine con Israele”. Inoltre, secondo Oxfam, 300mila sono i giovani bisognosi di assistenza per superare i traumi dovuti ai conflitti e agli 8 anni di blocco israeliano. Nonostante i bisogni urgenti di ricostruzione dettati dall’ultimo conflitto, il numero di persone impiegate nel settore delle costruzioni è sceso oltre il 50%. La produzione agricola è diminuita del 31% nell’ultimo anno. Gli stipendi sono scesi in media del 15%, nei settori della pesca e dell’agricoltura il calo arriva al 26%. Per Riccardo Sansone, responsabile emergenze umanitarie di Oxfam Italia, “se si vuole raggiungere una pace stabile nella regione è necessario dare ai giovani la possibilità di immaginare un futuro migliore. Sarà possibile costruire una pace duratura solo permettendo la ripresa economica con la fine del blocco israeliano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *