Nave Italia: un calcio al disagio!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

navepdi Paola Scarsi

“Gaetano, 13 anni, è stato il più veloce e meno timoroso di tutti i suoi compagni ad arrampicarsi lungo i 45 metri dell’albero maestro di Nave Italia, il brigantino più grande del mondo che dal 2007 ospita gruppi di adolescenti, con disagi psichici o fisici, per aiutarli a sviluppare capacità di aggregazione e autonomia personale. Una settimana di permanenza a bordo gli ha permesso di tirar fuori qualità e abilità sconosciute anche a lui. Come Gaetano sono oltre 3.500 i giovani con disabilità che, attraverso quasi 180 progetti, sono stati ospitati, insieme agli educatori, a bordo di Nave Italia”. A parlare è Paolo Cornaglia Ferraris, direttore del Comitato scientifico di Tender to Nave Italia onlus, fondazione nata dal sogno apparentemente irrealizzabile di Carlo Croce, presidente dello Yachting Club italiano e olimpionico di vela negli anni ‘60. L’idea di utilizzare la vela e la permanenza a bordo come strumento di sviluppo dell’autonomia nelle persone più fragili venne sposata dal capo di stato maggiore, ammiraglio Sergio Biraghi: Yci e Marina Militare italiana insieme diedero vita alla Fondazione.

Un equipaggio speciale.
Nave Italia è lunga 61 metri ed è iscritta nel registro del naviglio militare: l’equipaggio è formato da un comandante e da una ventina di marinai della Marina militare. Quest’ultima fornisce anche il ricovero invernale nel porto di La Spezia. “Benvenuti ragazzi: da questo momento fate parte dell’equipaggio”: così il comandante accoglie a bordo i ragazzi che da quel momento e per una settimana condividono la vita e le regole in un percorso di autonomia. I marinai esprimono una enorme umanità lavorando insieme agli educatori per 120 giorni all’anno, progetto dopo progetto. Gestione e cura degli spazi comuni, custodia delle proprie cose, condivisione di regole dal semplice rifarsi il letto alla pulizia degli spazi comuni e del ponte, fare i turni come lavapiatti, lucidare gli ottoni, imparare le basi della marineria e l’arte di fare i nodi: tutto contribuisce allo sviluppo di autonomia e fiducia in se stessi.

Rendere concreti i sogni.
A Paolo Cornaglia Ferraris spetta anche il difficile compito di selezionare i progetti o come preferisce dire “rendere concreti i sogni”. “Ogni anno – spiega – lanciamo un bando (quello per il 2016 è ora nel sito www.naveitalia.org) a cui prima fase prevede l’invio di una sintesi di progetto: l‘importante è che sia una proposta forte, chiara e motivata. I più attinenti a queste semplici ma rigorose linee guida vengono selezionati per la progettazione concreta. I più idonei giungeranno a realizzazione”. La Fondazione contribuisce al 50% delle spese mentre la rimanente parte deve essere raccolta dall’associazione proponente. Il coinvolgimento economico del territorio e della comunità locale rende più forte e valoriale il progetto. Molti di essi sono sostenuti dalle Fondazioni di origine bancaria associate ad Acri.

Diventare autonomi.
Verena Balbo è psicologa volontaria presso l’Azienda ospedaliera Mayer di Firenze e poche settimane fa ha accompagnato a bordo un gruppo di adolescenti con diabete di tipo 1. “Condividere spazi, vita, timori e malattia, facendola diventare parte integrante della vita di tutti i giorni, aumenta la consapevolezza – chiarisce -. Alcuni ragazzi non l’avevano mai confessata neppure ai parenti: noi operatori abbiamo scoperto quanto i ragazzi riescano ad aiutarsi tra loro senza il supporto degli adulti. Al rientro in porto anche i genitori hanno scoperto che i loro figli potevano davvero farcela da soli”. Il prossimo imbarco sarà impegnativo perché per la prima volta saranno solamente ragazze, i cui dolorosi passati richiedono la riscoperta delle relazioni sociali, dell’accoglienza e dell’inclusione. L’11 luglio a Civitavecchia sbarcherà un gruppo di giovani con epilessia seguiti dall’Ospedale Bambino Gesù: ideatore del progetto è il direttore del Dipartimento di Neuroscienze, Federico Vigevano. A questi giovani il capo di stato maggiore della Marina militare, ammiraglio Giuseppe de Giorgi consegnerà il diploma di marinai alla presenza della presidente dell’Ospedale Bambino Gesù, Mariella Enoc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *