“Secondi a Nessuno”, la cucina rurale nel cuore della Fortezza.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
foto da www.acquavivapicena.it
Acquaviva Picena – Panorama (foto da www.acquavivapicena.it)

Leggi anche “Acquaviva, convegno “Verso la macroregione Adriatico Ionica, un Progetto, un territorio” di Janet Chiappini

ACQUAVIVA PICENA – Dal 25 al 28 giugno prossimi torna ad Acquaviva Picena l’atteso appuntamento con “Secondi a nessuno” che quest’anno si svolgerà nel suggestivo e maestoso scenario della grande Fortezza medievale.

L’evento, nato nell’ottica di proporre un’iniziativa a carattere turistico strettamente legata alle tradizioni culinarie più autentiche del territorio, vuole essere un contributo alla conoscenza e alla scoperta del Piceno attraverso la riproposizione di piatti a base di carni allevate da aziende locali che ne garantiscono tracciabilità e genuinità.

Questa terza edizione si presenta con tante conferme e soprattutto con una grande novità: il gemellaggio culturale e culinario con la manifestazione del “Prodotto Topico” che vedrà coinvolti, in una gustosa gara culinaria, i comuni marchigiani di Acquaviva Picena, Monsampolo del Tronto e Monteprandone ed i comuni abruzzesi di Lentella e Liscia e quelli molisani di Agnone, Carovilli e Frosolone.

La forza di questa manifestazione, unica nel panorama dei Festival culinari in quanto dedicata espressamente ai “secondi piatti”, è anche nel coinvolgimento degli operatori locali della ristorazione, ai quali va un plauso di gratitudine perché ancora custodiscono e ripropongono i segreti di ricette “antiche e sempre nuove” che possono essere gustate sia nei giorni della manifestazione, sia nei vari ristoranti di questo delizioso angolo del Piceno.

Il “Festival della Cucina Rurale”, ideato ed organizzato dal Laboratorio Terraviva presieduto da Filippo Gaetani, è organizzato con il patrocinio del Comune di Acquaviva Picena e – in linea con il suo carattere dinamico – con il “prezioso” contributo della Linergy Emergency Lighting per “vedere il buio sotto un’altra luce”.

Ecco il programma completo:

25 giugno – h. 21 – Auditorium Banca Picena Truentina di Acquaviva Picena

Convegno Biodiversità Territoriali Comunali “Verso la macroregione Adriatico Ionica… un progetto, un territorio”;

Intervengono Pier Paolo Rosetti, sindaco di Acquaviva; Aldo Mattioli, presidente della Banca Picena Truentina; Filippo Gaetani, presidente del Laboratorio Terraviva; Luca Ceriscioli, governatore Regione Marche; Luciano D’Alfonso, governatore Regione Abruzzo; Paolo Di Luca Frattura, governatore Regione Molise; prof. Ezio Sciarra, sociologo e membro dell’Accademia delle Scienze; prof. Dino Mastrocola, prorettore vicario della facoltà di Agraria dell’Università di Teramo; dott.ssa Marida Corradetti, Habitat Verdeambiente. Moderatore: dr. Domenico Di Stefano. Al termine, consegna del Premio “La crolla d’Oro” al dr. Enzo Parro.

26 giugno – h. 19 – Fortezza Medievale di Acquaviva Picena

Apertura degli stand gastronomici in collaborazione con i Comuni ed i Ristoranti di Acquaviva Picena, Monsampolo del Tronto e Monteprandone.

27 giugno – h. 19 – Fortezza Medievale di Acquaviva Picena

Apertura degli stand gastronomici in collaborazione con i Comuni ed i Ristoranti di Acquaviva Picena, Monsampolo del Tronto e Monteprandone. Alle ore 24, proclamazione del “Miglior secondo”, votato in base alle preferenze dei commensali, che parteciperà di diritto al Festival “Prodotto Topico” che si svolgerà nel mese di luglio in Abruzzo. I primi quattro piatti nella classifica delle preferenze parteciperanno alla serata conclusiva del 28 giugno assieme ai “prodotti topici” provenienti dall’Abruzzo e dal Molise.

28 giugno – h. 19 – Fortezza Medievale di Acquaviva Picena

Regioni a confronto, gemellaggio culinario con le regioni Abruzzo e Molise: apertura degli stand gastronomici in collaborazione con i Comuni ed i Ristoranti di Acquaviva Picena, Monsampolo del Tronto, Monteprandone, Lentella, Liscia, Agnone e Frosolone. Al termine della serata, proclamazione del “Miglior secondo del gemellaggio”.

I vini che saranno abbinati ai piatti nei tre giorni del festival sono il Rosso Piceno Superiore doc, l’Offida Pecorino doc e l’Offida Passerina docg delle cantine Moncaro, Cherri, Capecci e Il Conte Villa Prandone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *