“Il metodo di don Bosco non è archiviato, da museo”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Don Bosco“Il metodo di don Bosco non è archiviato, da museo, non è datato, ma si rinnova continuamente, e si rivela adatto per tutti i giovani del mondo intero, di tutte le razze, lingue e religioni”. A dirlo è suor Rosetta Calì, educatrice, della congregazione delle Suore di Maria Ausiliatrice, intervenuta ieri a Cosenza nei locali del Seminario “Redemptoris Custos” in occasione del GrestInFest, un raduno degli oratori diocesani nel quale è stata approfondita la figura di San Giovanni Bosco a duecento anni dalla sua nascita. Per la salesiana, autrice di diverse pubblicazioni in ambito educativo, don Bosco “ha un fascino intramontabile” e “il suo carisma lo rende una figura non solo italiana ed europea, ma del mondo, un personaggio della Chiesa perché incarna in se stesso e nel suo carisma quelle che dovrebbero essere le categorie fondanti dell’educatore”. Tra i meriti di don Bosco, per suor Calì, quello di “aver tenuto conto dei problemi che man mano si presentavano nella vita dei giovani. Non si è irrigidito su determinate posizioni, ma è stato sempre aperto al nuovo. E questo insegna ancora oggi a noi, di aprirci a quelle che sono le novità pur non trascurando la fedeltà ai valori fondamentali, per una formazione integrale della personalità fino all’incontro con Dio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *