Nidi d’infanzia e scuole, un protocollo per assicurare continuità educativa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
visita scuola infanzia merlini 020infanzSAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ stato siglato nei giorni scorsi, dal sindaco Giovanni Gaspari e dai dirigenti responsabili delle istituzioni educative e scolastiche della città, il “Protocollo d’intesa sulla continuità educativa 0-6” .

Con questo patto si intende garantire a tutti i bambini, senza distinzione di provenienza, pari opportunità di azioni, strumenti e iniziative finalizzate a favorire il loro passaggio da una scuola all’altra, ad ogni snodo scolastico, partendo dal nido, passando per la scuola dell’infanzia fino alla scuola primaria.

Le istituzioni educative assumono così precisi impegni con le famiglie in un momento di complessità sociale come quello che si sta attraversando: “Una comune rete di accoglienze nel passaggio da un ciclo all’altro – spiega l’assessore alle politiche sociali Margherita Sorge –  all’interno di un sistema educativo integrato e unitario, può sostenere e fortificare l’auspicata alleanza scuola-famiglia”.

La sottoscrizione del protocollo dà sostanza e legittimazione ad azioni divenute, dal 2008 ad oggi, buone prassi all’interno del tavolo tecnico della “Commissione 0 – 6 anni” composto da dirigenti, educatrici ed insegnanti e si pone come un documento in materia di continuità educativa che anticipa i prossimi riferimenti legislativi in materia.

Il patto prevede immediati impegni le scuole firmatarie: a conclusione dell’anno scolastico è prevista la consegna dei profili di passaggio dei bambini uscenti dai nidi, le visite da parte dei bimbi dei nidi alle scuole dell’infanzia prescelte, la stesura del calendario di massima delle iniziative del prossimo anno. Inoltre i principi del protocollo dovranno essere recepiti nei progetti educativi dei nidi e nei piani di offerta formativa delle scuole, tanto che, da settembre prossimo, tutti i nidi e le scuole dell’infanzia e primarie della città adotteranno gli stessi strumenti della “continuità 0-6”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *