“Musica e Fede”, a tu per tu con gli “Eden’s Garden”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Leggi le precedenti interviste:
– TEMAPERNONA: Alessandro, David, Gianluigi e Antonio
– Matteo Pagnoni
– David e Mattia del duo Progettoparallelo
– RannLA
– “I Varie età”
“One More Time”
– Emilia Ranalli
– i KIDS

Tempo fa ho avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Stefano, Giovanni, Alessandro e Fabio, alias gli EDEN’S GARDEN.

Iniziamo questa intervista con un riferimento alle origini. Come vi siete avvicinati alla musica?
A Ho iniziato a suonare solo grazie ad i miei amici. A 18 anni desideravo tanto che i miei mi comprassero una batteria, ma loro non ne volevano sapere! Sin da piccolo ho cambiato molto spesso le mie passione ed i miei hobby. I miei genitori,pertanto, quando chiesi la batteria mi dissero che sarebbero stati soldi sprecati perché dopo pochi mesi l’avrei lasciata li a prender polvere. I miei amici, sapendo di questo desiderio,mi regalarono la batteria per il mio 18esimo! Cosi mi iscrissi ad un corso di musica ( pagandomi le lezioni da solo) ed iniziai a suonare. Casualmente tutti noi del gruppo abbiamo iniziato a suonare a 18 anni tranne Stefano che si è avvicinato alla musica molto prima grazie ai corsi estivi organizzati dalla sua parrocchia.

Quando e come è nato il gruppo?
S è nato nel 2008. Fabio aveva un garage abbandonato in campagna, decidemmo di arredarlo e di trasformarlo nella nostra sala prove !

Il vostro è solo un hobby o un vero e proprio lavoro?
G Il nostro è solo un hobby e, volendo, non può diventare un lavoro. È molto difficile trovare locali che ti pagano per la serata, al massimo ti offrono la cena.

Il ricordo più bello legato al gruppo?
F Un live al Florentia. È stato bellissimo vedere il pubblico partecipare con così tanto entusiasmo!

Invece, l’esperienza più brutta?
F Un periodo, durato qualche mese, dove ognuno di noi, per un motivo o per un altro, aveva perso la voglia di suonare.. c’era un misto di calo di desiderio e di demoralizzazione legato al fatto che qui è molto difficile riuscire a fare live.

Cosa ne pensate come artisti delle recenti evoluzioni di internet? Mi riferisco alla possibilità di raggiungere in modo semplice e veloce milioni persone ma anche ai rischi legati alla privacy o alla pirateria.
S Ritengo che molti social siano una grande favola. Su youtube è possibile comprare le visualizzazioni. Quindi, basta pagare, per far vedere che si è famosi o molto seguiti. È un panorama falsissimo. Per quanto riguarda i diritti d’autore, io sono iscritto alla SIAE anche se in realtà non c’è grande tutela e garanzia per noi autori.

Progetti per il futuro? Parlatemi di un sogno, una speranza o un progetto
F Registrare un disco e continuare a fare live.

E per finire, il vostro rapporto con la Fede?
F Finito il catechismo, dopo la Cresima, ho smesso di frequentare la Chiesa. È accaduto tutto spontaneamente, non sento il bisogno di andare a Messa. Preferisco contare su me stesso e le mie capacità piuttosto che affidarmi ad un’entità astratta.

S Ho creduto tanto, ma per via dell’Università mi sono allontanato dalla Fede e dalla Chiesa. A causa dei miei studi ho iniziato ad avere un approccio molto più razionale con la vita ed ho inviato a dubitare sull‘esistenza di una realtà superiore. Nonostante tutto credo che il cristianesimo trasmetta dei valori importanti, molti dei quali condivido.

A Ho letto la Bibbia, ne sono rimasto affascinato e la consiglierei agli altri. Condivido i principi morali del cristianesimo, ma non credo nella figura del clero.

G Sono capo scout. Nonostante la mia vicinanza al mondo della Chiesa, crescendo, mi sto ponendo molti dubbi.. diciamo che sono in un periodo di ricerca!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *