Uno sport ormai ai titoli di coda

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CampoÈ tornata la svastica su un campo di calcio. Sono ancora poco chiari i contorni di quanto avvenuto ieri sera a Spalato durante la partita tra Italia e Croazia, valevole per le qualificazioni a Euro 2016. Nell’intervallo, solleciti inservienti si sono affrettati a gettare erba e terra sul profilo della svastica nazista che nel corso del primo tempo è apparsa sul manto verde di gioco. Il simbolo, che all’inizio della gara non era visibile, è stato probabilmente ottenuto con l’utilizzo di sostanze diserbanti a rilascio lento.
È soltanto l’ultima e tra le più tristi imprese dei tifosi croati. La decisione di far disputare il match a porte chiuse, a causa della squalifica ottenuta dalla Croazia per i cori razzisti durante la partita contro la Norvegia del 28 marzo, non è bastata e ora la nazionale balcanica rischia conseguenze gravi. A novembre dello scorso anno, le intemperanze di circa duecento ultras croati avevano portato alla sospensione temporanea di Italia-Croazia a Milano. Anche in quell’occasione una “U” stilizzata era stata esposta dagli spalti, simbolo degli Ustascia ovvero i nazisti croati responsabili di stragi di massa nei campi di serbi, ebrei e zingari. Durante gli europei del 2008, erano stati sempre i tifosi croati a ingaggiare scontri con altre tifoserie che avevano portato a centinaia di arresti. In particolare a Klagenfurt, in Austria, era finito in manette Milivoj Asner, tra i dieci maggiori criminali nazisti latitanti: a 95 anni non aveva saputo resistere all’invasione della capitale della Carinzia.
Al termine della partita disputata ieri sera il portavoce della Federcalcio croata, Tomislav Bacek, si è affrettato a dire che “quello che è successo è una vergogna non solo per il calcio croato, ma per tutto il nostro popolo”. Dello stesso tenore le parole del presidente della Federcalcio croata, Davor Suker:
“È un nostro problema, e stiamo lavorando per risolverlo”. Ma forse la questione supera di gran lunga i patri confini e riguarda uno sport che, tra scandali e inchieste giudiziarie, sembra ormai uno spettacolo ai titoli di coda. Se non fosse ancora il gioco più bello del mondo, sarebbe davvero il caso di spegnere i riflettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *