Concluso il tradizionale appuntamento con il Festival Ferré

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sabato 13 giugno si è concluso il tradizionale appuntamento con il Festival Ferré, magistralmente organizzato da Giuseppe Gennari e giunto quest’anno al prestigioso traguardo della ventesima edizione. In questa serata finale si sono esibiti, come di consueto, due artisti già affermati come la francese Sandra Aliberti e la napoletana Daniela Fiorentino – che hanno aperto e chiuso la serata – e un giovane emergente, il sangiorgese Lucio Matricardi.

La Aliberti, accompagnata da Bertrand Ravalard al pianoforte e dallo straordinario Lionel Mendousse al violino e alle percussioni, ci ha introdotto in atmosfere raffinate e notturne, tra omaggi a Ferré e pezzi originali. Elegante, misurata, intima, l’interpretazione della cantante nizzarda passa con disinvoltura dal cantato al recitato, riuscendo a mantenere sempre vivi l’emozione e il sentimento.

Lucio Matricardi, come da prassi per tutti gli esordienti che si sono esibiti al festival, è stato invitato a proporre soltanto due brani: uno di Leo Ferré e uno proprio. Anche nell’esiguità della performance, tuttavia, si è potuto intravvedere il talento di un giovane dalla voce calda e dalla musicalità capace di essere sia intensa che delicata.

A conclusione della serata, Daniela Fiorentino ha ricordato il centenario dalla nascita di Edith Piaf, attraverso un concerto interamente composto da brani della grande cantante francese. Avvicinarsi alle canzoni del passerotto parigino non è impresa facile, ma la Fiorentino possiede energia e vitalità per riuscire a coinvolgere il pubblico e far rivivere il mito. Accompagnata da un eccellente quartetto di musicisti (Alessandro Anzalone al contrabbasso, Davide Esposito alla batteria, Mariano Bellopede al pianoforte e Giosi Cincotti alla fisarmonica), l’artista napoletana ha dominato il palco con la sua vivacità, la sua voce potente, la capacità di trasmettere agli ascoltatori la commozione e la passione che vivono fra le note e i versi resi immortali dalla Piaf.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *