“Giovani creativi” A tu per tu con Gloria

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Oggi ho intervistato una bellissima creativa,si chiama Gloria e ama creare borse.

Leggi le precedente interviste,clicca qui

11329640_10206184892722440_1116171470_n

Che percorso di studi hai intrapreso prima di iniziare la tua attività?
Sono geometra .Ho fatto diversi lavori (geometra, segretaria, cameriera).L’ultima occupazione, prima del lavoro attuale, è stata nel campo dell’energia rinnovabile (ho acquisito qualifica da energy manager) . Poi il settore è andato in crisi e ho deciso di intraprendere una nuova strada.

Come è nata l’idea di questa nuova attività?
Ero rimasta senza lavoro e ne stavo cercando un altro. Per non annoiarmi troppo, in attesa del lavoro che non arrivava, due anni fa, ho iniziato a cucire borse di feltro per me e per le amiche. Poi sono arrivata al punto che avevo così tante borse che ho deciso di fare un mercatino.  Poi dal feltro ,che è un materiale molto di nicchia ,ho iniziato ad usare altri materiali: stoffa, plastica, cuoio, pelle. Mi è sempre piaciuto creare, per questo realizzavo le mie “opere” in maniera sempre più  assidua… ora  mi sono talmente  appassionata che non posso più fare a meno di cucire!!

Quando è iniziata?
Ho iniziato due anni fa a casa dei miei genitori dove ora ho il mio disordinatissimo e  minuscolo laboratorio. A volte mi rammarico perché penso di aver cominciato  troppo tardi questa attività , poi penso che un domani non vorrò chiedermi scusa per non averci provato.

Descrivimi la tua attività
Da dove comincio?? Faccio tante cose: magliette, cerchietti per capelli, fermagli per capelli, coccarde per le nascite (quelle da appendere sulle porte appena nasce un bimbo) , pochette, ma principalmente confeziono borse  perché sono la mia passione. Come ho già detto, ho iniziato con il feltro, poi sono passata alla stoffa ed all’ eco pelle. Ora uso principalmente la pelle ed il cuoio. Le borse di cuoio le realizzo interamente a mano, forando il materiale un buco alla volta e facendo passare dei cordoncini per assemblare i pezzi . Le borse di pelle invece le cucio a macchina.
Il mio lavoro inizia dalla progettazione mentale della borsa. Faccio un giro su internet per trarre qualche spunto. Poi mi metto a pensare intensamente e cerco ispirazione . Butto giù uno schizzo , faccio mille modifiche finché non partorisco il modello su cartoncino. Poi monto il tutto con la macchina da cucire.
Sono contenta perché giorno dopo giorno mi sto perfezionando e sto creando dei pezzi sempre più appetibili, per  un pubblico più vasto.

Quali sono gli aspetti positivi e negativi di questo lavoro?
Gli aspetti positivi sono tantissimi. Il principale è che do sfogo alla mia creatività che per tanti anni non ho tirato fuori se non in sporadiche occasioni. Sono economicamente autonoma, posso organizzare liberamente la giornata lavorativa per far crescere al meglio la mia meravigliosa bimba .Poi quando faccio i mercatini mi diverto moltissimo e conosco persone fantastiche , senza contare   la gratitudine dei clienti che mi riempie il cuore.Il principale svantaggio: adesso sono solo  una hobbista e non guadagno abbastanza da potermi permettere una partita IVA . Quindi non posso permettermi di  proporre  i miei prodotti alle attività commerciali e non posso vendere onestamente al di fuori dei mercatini.

Dove si possono acquistare i tuoi prodotti?
I miei prodotti si possono acquistare nei mercatini ( che faccio soprattutto nel periodo estivo). Ho una pagina facebook “LUNATIKA – made with a smile” che mi fa da vetrina.

Quali sono i tuoi progetti futuri in ambito lavorativo?
Tanti progetti o meglio tanti sogni. Vorrei innanzi tutto diventare più efficiente nella produzione. Mi piacerebbe poter aprire una partita IVA per essere più libera di vendere.. Magari aprire una piccola attività anche eventualmente  in collaborazione con qualche altro artigiano che condivide il mio stesso sogno : far diventare lavoro  la propria passione. Non posso immaginare di passare il resto della mia vita facendo un lavoro che non mi piace. Mi vedo tra 20 anni ricurva sulla macchina da cucire con le dita rovinate degli aghi e la vista indebolita, ma felice di aver seguito con soddisfazione il mio sogno.

11119445_10206184892482434_1458639824_n

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *