Acquaviva Picena, I.S.C. «Adolfo De Carolis»: «Orto Bimbo» L’esperienza di un orto Biologico a scuola – Sostenibilità e Biodiversità

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MarzialeACQUAVIVA PICENA – Il progetto è terminato con la “Festa dell’Orto BIO” che si è svolta Sabato 6 Giugno presso la Scuola Primaria “Nicola Gaetani Tamburini” di Stella di Monsampolo del Tronto dell’Isc Adolfo De Carolis di Acquaviva PicenaAlla Festa dell’Orto Bio sono stati invitati tutti i genitori dei piccoli Agricoltori, e tutti insieme hanno fatto una biologica e gustosa merenda con i prodotti dell’ortoBio, grazie al contributo dei genitori.
Si ringraziano pertanto Oleificio di Silvestri Rosina per l’olio biologico Extra Vergine di Oliva “A ME.. MI PIACE”  L’Olio dei Bambini…, Travaglini della Bottega del pane di Stella di Monsampolo per il pane, Serena Piermanni e Giacomo Capriotti per la fava.

Nella stessa giornata si è tenuta la conferenza stampa per il progetto “OrtoBIMBO”, con la Dirigente “ISC a De CAROLIS” Acquaviva Picena dott.ssa Marina Marziale e la referente del plesso Monica Guidotti che hanno sottolineato l’importanza di avvicinare e portare a scuola, appunto, una cultura, un modo sano di vivere che sta scomparendo, mediante la realizzazione e gestione di un « Orto scolastico Biologico », che rivestirà per gli alunni un eccezionale valore educativo, favorendo un legame affettivo tra il bambino e la vita degli altri esseri viventi. L’Amministrazione Comunale, rappresentata dal Sindaco Pierluigi Caioni, il Vice Sindaco Massimo Narcisi e gli Assessori Mauro Schiavi e Valeria Noci, che ha contribuito alla realizzazione dell’orto BIO, hanno sottolineando l’importa della tutela della biodiversità e della sostenibilità, si dovrebbe infatti mangiare più prodotti locali, coltivati nella propria area, riducendo così il consumo di energia per il packaging, la conservazione e il trasporto.

Il nonno e papà volontari, rispettivamente Remo Cardinali e Giacomo Capriotti che ha contribuito alla gestione  dell’orto BIO e hanno supportato, con la loro esperienza, il progetto ortoBIMBO, insegneranno i «trucchi del mestiere» e arricchiranno l’esperienza con racconti, storie e tradizioni di campagna.

Grazie al concorso “ORTI SCOLASTICI E BIODIVERSITA’ AGRARIA” «L.R. 12/2013 a tutela delle risorse genetiche animali e vegetali del territorio marchigiano» promosso dall’ASSAM, la Regione Marche e l’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche, nell’ambito del progetto “Biodiversità agraria Marche”; è stato realizzato un orto biologico un po’ particolare,  fatto di verdure e piante amiche, che si aiutano a vicenda, piante profumate e verdure di stagione, presso l’area verde della Scuola Primaria di via Pascoli di Stella di Monsampolo. Sono state utilizzate anche sementi Autoctone con il fine di proteggere la biodiversità locale a rischio estinzione o erosione genetica, e far riscoprire e valorizzare il prodotto di origine locale.  Al progetto hanno partecipato tutte le classi 1, 2, 3, 4 e 5 della Scuola Primaria “Nicola Gaetani Tamburini” di Stella di Monsampolo (AP) dell’I.S.C. Adolfo De Carolis coinvolgendo in totale circa 200 Alunni. In questo percorso, gli alunni sono supportati dalle insegnanti che affiancano al programma ministeriale le attività laboratoriali, fondate sull’esperienza, sull’imparare divertendosi e promuovendo l’osservazione attenta, le attività sensoriali e culinarie. A questa metodologia si affianca un approccio transdisciplinare, mirato all’approfondimento in aula con esperti di settore sul campo delle tematiche specifiche quali Biodiversità, Agricoltura Biologica, Educazione Ambientale, Educazione Alimentare, quali la Referente Biologa Nutrizionista dott.ssa Barbara Zambuchini, la Naturalista dott.ssa Valentina Capannelli e le dott.sse Sonia Tirabassi e Chiara Coscia della Partners in Service SRL “start up innovativa” – CEA «Ambiente e Mare» R. Marche

Si ringrazia infine l’ASSAM, l’Agenzia per i Servizi nel Settore Agroalimentare delle Marche, per la consegna del kit di sementi autoctone iscritte al Repertorio Regionale del Patrimonio Genetico utilizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *