Volontari diocesi “Rubrica dal carcere” i detenuti hanno realizzato le bomboniere per la prima comunione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Bomboniere 2

DIOCESI – Prosegue la nostra “rubrica dal carcere” leggi i precedenti articoli curata dai volontari della nostra diocesi del gruppo “Il Mosaico”.

Lavori appena terminati alla casa circondariale di Marino del Tronto. I ragazzi hanno appena finito di realizzare le bomboniere per la Prima Comunione di due bambine.
I lavori sono cominciati un paio di mesi fa con grande entusiasmo e con l’intenzione, mantenuta fino alla fine, di decorarle con la massima cura e attenzione dei particolari.
Sono stati scelti piattini di vetro e scatoline di legno, decorati con la tecnica del decoupage, che loro conoscono molto bene perché è quella usata per creare la maggior parte degli oggetti, poi “venduti” durante le nostre bancarelle nelle parrocchie.

I ragazzi hanno scelto soggetti molto delicati e adatti a bambine: bamboline, giochi, pupazzi, animaletti, cartoons, conchiglie, poi hanno rifinito gli oggetti a tinte pastello. Un lavoro di precisione per un risultato di sicuro effetto.

I detenuti non si sono curati del fatto che non avrebbero ricevuto nessun compenso per questo lavoro, ma hanno detto a chiare lettere e con molta tenerezza, che lo facevano volentieri per augurare alle due bimbe una vita piena di serenità e di gioia.

Le bambine hanno molto apprezzato il lavoro, hanno espresso il loro gradimento con gli occhi che brillavano di gioia, hanno chiesto notizie dei ragazzi, della vita del carcere e del tempo che rimane loro da trascorrere in quel luogo triste. Hanno detto che sono proprio molto bravi e che vorrebbero scrivere loro per ringraziarli.

I genitori, che ci avevano chiesto di fare questi oggetti, sono rimasti molto contenti e ringraziano i detenuti augurando loro di avere una seconda opportunità nella vita e di saperla sfruttare.

Infine noi del gruppo: siamo felici della bella esperienza che i nostri ragazzi hanno fatto e della possibilità, che hanno avuto, di dimostrare che anche in carcere si può lavorare con amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *