Festival del biologico a San Benedetto del Tronto: appuntamenti ogni domenica da maggio a settembre

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ciboSAN BENEDETTO DEL TRONTO – Domenica 24 maggio, alle ore 9, in  via Montebello (nei pressi della Piazza della Verdura)  aprirà Bio Piceno in Piazza, una manifestazione  che si ripeterà tutte le domeniche fino a metà settembre e che nel corso dell’intera giornata, fino alle ore 19,  permetterà di incontrare agricoltori bio del Piceno, di conoscere  i loro prodotti certificati, i metodi  utilizzati nella produzione e nella trasformazione, le ragioni delle loro scelte e del loro impegno. Non mancheranno laboratori, dibattiti, incontri con esperti di  agricoltura e alimentazione per capire che cosa mettiamo nel piatto e come viene prodotto.

Perché  il cibo è salute e il mondo scientifico  sta mettendo sempre più in evidenza che per star bene occorre mangiare prodotti sani e di qualità. Cibi geneticamente modificati, carichi di sostanze chimiche nocive utilizzate per produrli, per conservarli, per farli   arrivare sulle nostre tavole da migliaia di chilometri di distanza aumentano infatti  il rischio di gravi malattie, specie nei bambini. Chi vive  nelle Marche e nel Piceno ha invece  la fortuna di abitare un territorio dove non si è perso il legame con la terra, con le pratiche agricole che preferiscono assicurare  la qualità dei prodotti, anche a scapito della  quantità, e dove, soprattutto, sono sempre più numerosi gli agricoltori consapevoli del loro ruolo, decisivo per il futuro del pianeta.  Perché di fronte a una popolazione  mondiale che sfonderà il tetto dei nove miliardi entro il 2050,  alla progressiva riduzione delle terre fertili, desertificate e isterilite da diboscamenti, sfruttamenti intensivi, uso dissennato della chimica, alla volontà dei grandi poteri economici e finanziari di destinare il cibo, in particolare i cereali,  alla produzioni industriali e di energia, esponendone i prezzi a volatilità e processi speculativi, è indispensabile riportare la sovranità alimentare nei territori, restituire ai produttori e ai consumatori locali la capacità di decidere quale cibo produrre e consumare, come salvaguardare la natura e l’ambiente, come preservare la biodiversità. Gli agricoltori bio del Piceno da decenni sono impegnati su questi fronti,  utilizzano e perfezionano  tecniche agricole sostenibili, recuperano semi  a rischio di estinzione, rimettono  in produzione varietà antiche cancellate dall’agricoltura industriale; ma  perché sia possibile “nutrire il pianeta” -come dice lo slogan dell’Expo- partendo appunto   dalla realtà dei territori e di chi ci vive, è necessaria  la consapevolezza dei consumatori, la partecipazione dell’intera comunità locale. Ed è proprio questo ciò che vogliono favorire gli appuntamenti di  Bio Piceno in piazza: l’incontro fra campagna e città, fra anziani e giovani agricoltori, fra produttori e rivenditori, fra chi il cibo lo produce e chi lo consuma per costruire insieme una futura economia locale, sostenibile e rispettosa dei diritti fondamentali delle persone, a partire da quello alla salute.

L’iniziativa è organizzata  dai produttori di AIAB (Associazione Italiana Agricoltori Bio) Marche, dai  volontari della REES (Rete, Economia Etica e Solidale) Marche e di Piceno solidale, dagli amici del circolo La taccola di San Benedetto del Tronto e da tutti gli altri amici che si aggiungeranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *