Facce da Quintana: Grottammare punto di partenza alla volta di Ascoli

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Pirzio-e-Perilli

Nella foto a sx. Franco Pirzio e Nando Perilli

GROTTAMMARE –  Nel suggestivo chiostro del Convento di Santa Maria dei Monti, alla presenza del Sindaco Enrico Piergallini, è stato presentato, in anteprima, il calendario artistico ideato e realizzato da Franco Pirzio. Dodici ritratti ad acquerello di figuranti e dame della Quintana di Ascoli, ad opera del bravissimo artista neretese, Nando Perilli.

L’opera si inserisce in un più ampio progetto di valorizzazione del territorio ascolano, terra natale di Franco Pirzio, e si pone come naturale continuazione del cofanetto/guida turistica del Piceno, P.I.C.E.N.U.M., presentato a Palazzo dei Capitani lo scorso 15 novembre e da lui realizzato.

“L’idea- afferma Franco Pirzio- è quella di legare l’arte alla valorizzazione del territorio, di arrivare a chi lo deve scoprire o riscoprire, attraverso le emozioni che solo l’arte, con la sua straordinaria efficacia sintetica, riesce a suscitare, realizzando quella naturale sinergia fra “cose belle”, come sono i luoghi, gli eventi, i sapori e i colori di questa terra straordinaria e gli acquerelli, una straordinaria forma d’arte ideale per “catturare” nell’istantaneo, con la magia fra segno, acqua e colore, la suggestione di un luogo, di un sapore, di un evento, di una faccia”.

E se P.I.C.E.N.U.M. aveva visto la luce grazie all’intervento di sponsorizzazione dell’Azienda Vinicola Tenuta Santori, “Facce da Quintana” è stato realizzato grazie all’interessamento del Dott.Giovanni Ameli, da sempre amico ed estimatore di Franco Pirzio, che purtroppo per gravi motivi personali non ha potuto presenziare alla presentazione dell’opera, ma al quale è arrivato pubblico ringraziamento dai due artisti che gli hanno dedicato una simpatica vignetta.

Il calendario artistico presentato a Grottammmare lo scorso 10 maggio, verrà riproposto ad Ascoli Piceno nei giorni di quella Quintana, di cui celebra così efficacemente spirito e personaggi con un ulteriore presentazione nella sua” naturale” casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *