Ripatransone, il “Giudizio Universale” di Tapia Radic raccontato attraverso un video

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

RipatransoneDi Silvio Giampieri

RIPATRANSONE – Nella cripta del Santuario della Madonna di San Giovanni, limitrofa a quella del Duomo e facente parte del complesso della concattedrale di Ripatransone, da alcuni anni è stata collocata in una piccola “abside” un’artistica istallazione in ceramica rappresentante il “Giudizio Universale”.

Autore di tale pregevole opera è il Maestro Sergio Tapìa Radic, apprezzato artista da alcuni anni concittadino di questa terra, essendo nato a Puerto Natales in Cile dove è stato assistente alla Cattedra di Scultura presso la Scuola di Arti Applicate dell’Università di Santiago.

Il complesso scultoreo si estende per 13 metri ed è composto da decine di formelle in terracotta policroma e pittura, raffiguranti scene dell’ Antico e Nuovo Testamento, ognuno comprendente 70 pezzi che raggiungono le ragguradevoli dimensioni di 2,4 m x3,00 m.

Tale ambiente, impreziosito da queste opere d’arte, costituisce lo scenario ideale per concerti di musica sacra e spettacoli consoni al clima spirituale ispirato dal contesto e che sovente ravvivano le stagioni culturali Ripane.

Tra le ultime iniziative rivolte a valorizzare questo patrimonio artistico e culturale è stata la realizzazione di un video che riprendesse alcuni particolari di tale rappresentazione, per meglio conoscerla ed apprezzarla.

Il merito dell’idea va al Maestro Vincenzo Travaglini che ha curato il montaggio e la selezione delle immagini, nonché l’incisione della colonna sonora.

La presentazione di questo elaborato multimediale è avvenuta nel pomeriggio di Domenica 10 Maggio alle ore 17,00 con la proiezione in anteprima accompagnata da un’esibizione canora e musicale dal vivo dell’ideatore.

L’evento è stato reso possibile grazie alla generosa collaborazione della Confraternita della Madonna di San Giovanni e di quella della Misericordia e Morte, sempre pronte a sostenere le iniziative artistiche dello scultore cileno.

A loro è andato un affettuoso encomio del Maestro Tapìa Radic il quale è rimasto sinceramente colpito per l’affetto che i Ripani ancora una volta hanno saputo dimostrargli, tenendo ad apprezzare e valorizzare la sua arte figurativa al contempo espressiva e spirituale.

Il Sindaco Remo Bruni ha avuto parole di elogio e d’incoraggiamento per l’attività dell’artista ed ha proposto di offrire il patrocinio del Comune per un’eventuale distribuzione, ancora in fase di studio, del video su scala più vasta.

Si è trattato veramente di una bella festa che ha permesso ai presenti di coniugare l’esperienza di fede alle arti visive e plastiche ed alla musica, lasciando lo spettatore sicuramente rapito ed elevato spiritualmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *