Risonanza Scout: San Giorgio 2015, La gioia di ritrovarsi insieme

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Scout 2Di Greta Scartozzi “guida” Scout del Grottammare 1

GROTTAMMARE – Qualche giorno fa con il Reparto Gabbiano del gruppo Scout Grottammare 1 siamo andati a Montespino ,una località vicino Monte Fortino.

Appena arrivati a destinazione, verso ore  17:00 circa abbiamo subito montato le tende. Eravamo tantissimi, quasi 400 provenienti da tutta la zona Picena.

Finito di montare le tende tutti insieme ci siamo disposti in quadrato e abbiamo partecipato la Santa Messa.
Durante la celebrazione abbiamo presentato i nostri stendardi e una volta finita la messa li abbiamo sistemati dietro l’alzabandiera.

Poco prima di cena una signora ci ha presentato i nostri valorosissimi cavalieri.
Un imprevisto, “la pioggia” ci ha costretti ad andare tutti a letto molto presto, poco dopo la cena.

Il giorno dopo al mattino presto una fitta nebbia ci ha accolti; dopo esserci lavati e aver fatto colazione ci hanno dato uno schema che doveva essere riempito in base ai punti che realizzavamo, attraverso dei giochi per esempio: il gioco del fazzoletto, il tiro alla fune, la lotta dei galli, il gioco dei birilli ecc…

Finiti tutti questi giochi e dopo aver completato tutto lo schema siamo andati verso un bar dove ci hanno dato una cartina geografica per trovare una destinazione. Trovata la meta ogni squadriglia si e’ incamminata verso un punto dove in seguito ci siamo ritrovati tutti.

Lungo il percorso abbiamo incontrato diverse difficoltà e diversi giochi tra cui un uomo che attraverso l’alfabeto morse voleva trasmetterci un messaggio.
Tornati al nostro camping abbiamo smontato le tende e preparato gli zaini.

I nostri cavalieri che ci hanno accompagnato per tutta la giornata hanno risolto il loro problema ovvero: il ragazzo che doveva salire al trono ha sconfitto Giovanni, il suo acerrimo nemico, che per salire lui al trono si e’ inventato che il principe era morto. Il principe siccome puro di cuore non lo uccise ma costrinse a fuggire.

Con tanta gioia nel cuore, una volta finito il campo, siamo tornati alle nostre case. Grazie a tutti i capi scout per averci fatto vivere questa splendida avventura.

Scout

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *