Aldo Cazzullo presenta a San Benedetto “La Guerra dei nostri nonni”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
Mimmo MinutoSAN BENEDETTO DEL TRONTO Nell’ambito delle iniziative promosse dal Comune di San Benedetto del Tronto per ricordare i 100 anni dall’inizio della Prima Guerra Mondiale, domani, mercoledì 13 maggio, alle ore 21, all’auditorium comunale, è in programma la presentazione del libro di Aldo Cazzullo “La Guerra dei nostri nonni”. L’iniziativa è curata dall’associazione “I luoghi della Scrittura”.

Con questo libro Aldo Cazzullo racconta il conflitto ’15-18 sul fronte italiano, alternando storie di uomini e di donne. La guerra è l’inizio della libertà per le donne, che dimostrano di poter fare le stesse cose degli uomini: lavorare in fabbrica, guidare i tram, laurearsi, insegnare. Le vicende di crocerossine, prostitute, portatrici, spie, inviate di guerra, persino soldatesse in incognito, incrociano quelle di alpini, arditi, prigionieri, poeti in armi, grandi personaggi e altri sconosciuti. Attraverso lettere, diari di guerra, testimonianze anche inedite, “La guerra dei nostri nonni” conduce nell’abisso del dolore.

Però la Grande Guerra fu la prima sfida dell’Italia unita; e fu vinta. L’Italia poteva essere spazzata via; dimostrò di non essere più “un nome geografico”, ma una nazione. Questo non toglie nulla alle gravissime responsabilità, che il libro denuncia con forza, di politici, generali, affaristi, intellettuali, a cominciare da D’Annunzio, che trascinarono il Paese nel grande massacro. Ma può aiutarci a ricordare chi erano i nostri nonni, di quale forza morale furono capaci, e quale patrimonio portiamo dentro di noi.

Aldo Cazzullo è inviato e editorialista del «Corriere della Sera». Tra i suoi libri,” I ragazzi di via Po”, “Testamento di un anticomunista” (con Edgardo Sogno), “Outlet Italia”. Nel 2011 ha pubblicato il romanzo “La mia anima è ovunque tu sia”, tradotto all’estero. Sia “Viva l’Italia!” (2010) sia “Basta piangere!” (2013) hanno superato le centomila copie. “La guerra dei nostri nonni” le duecentomila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *