“All’ultimo momento gli inglesi hanno deciso di non correre rischi”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

loDi Silvia Guzzetti

Gli elettori del Regno Unito sorprendono l’Europa e assegnano al premier uscente, David Cameron, conservatore, la maggioranza assoluta in parlamento. Successo degli indipendentisti scozzesi, crollo dei laburisti, Ukip (antieuropeisti inglesi) con un solo deputato. Crescono, nel complesso, i vari nazionalismi all’interno del Regno, sempre meno “unito”. E Cameron annuncia, assieme al programma di governo, il referendum sulla permanenza o meno nell’Ue per il 2017. Resta il fatto che la storia britannica sembra aver compiuto una inversione a “u” e da oggi cambia profondamente. A commentare le elezioni britanniche più rivoluzionarie del dopoguerra è Clifford Longley, cattolico, commentatore della Bbc, ex corrispondente religioso del “Times” e del “Daily Telegraph”.

Si parla di una crisi grave tra l’Inghilterra, rappresentata dal partito conservatore di David Cameron, che ha vinto queste elezioni, e la Scozia che, inviando a Westminster ben 56 parlamentari indipendentisti, vuole chiaramente più autonomia dal potere centrale. Come stanno realmente le cose?
“Sì, la situazione in cui ci troviamo adesso è più complicata di quella che avremmo avuto se gli scozzesi avessero detto sì all’indipendenza lo scorso settembre. In quel caso la Scozia sarebbe diventata un altro Paese e la questione si sarebbe risolta. Invece gli scozzesi hanno voluto rimanere col resto del Regno Unito, votando no in quel referendum, ma hanno deciso, in queste ultime elezioni, di sostenere il partito nazionalista rafforzandone la presenza a Westminster. Così hanno portato il problema dell’autonomia della terra di Braveheart nel cuore stesso del potere britannico”.

C’è una via di uscita?
“Certo, se modifichiamo la Costituzione in senso federale. Scozia ma anche Galles e nord Irlanda potrebbero diventare economie indipendenti con autonomia fiscale da Westminster. Ci sarebbero molti vantaggi e gli scozzesi otterrebbero quello che vogliono, pur rimanendo a far parte del Regno Unito. La politica britannica funziona perché è abile a piegarsi senza spezzarsi proprio come diceva Edmund Burke. I britannici sono capaci, se lo vogliono, di dare vita a un Regno federale perfettamente in grado di funzionare”.

Gli elettori, votando per Cameron, hanno premiato la sua politica economica che ha garantito una crescita del prodotto interno lordo e un calo della disoccupazione?
“I cittadini hanno cambiato idea, all’ultimo momento, ieri, e hanno deciso che non volevano correre rischi. Si sono rifiutati di scommettere sul cambiamento e hanno voluto assicurarsi un’economia che, pur tra tagli al welfare e lavori insicuri e malpagati, funziona”.

Cameron ha promesso tagli ulteriori di 12 miliardi ai sussidi. Questo preoccupa i vescovi cattolici e quelli anglicani che hanno criticato più volte il governo, nei mesi scorsi, perché toglie gli aiuti dello stato ai cittadini più poveri?
“David Cameron non è mai stato chiaro su che tipo di tagli voglia ancora fare al welfare e questo lascia spazio di negoziazione con il governo. Ci sono anche molti nuovi parlamentari conservatori che potrebbero appartenere all’area più moderata del partito, quella da sempre preoccupata per i poveri. Anche Cameron non sa ancora bene come muoversi e che cosa voglia da lui il suo partito. È una brava persona e non vorrà, di certo, provocare una crisi nella società. C’è ragione di sperare che altri tagli verranno evitati”.

Eppure la critica che gli è stata sempre fatta è di essere lontano dalla gente comune…
“Penso che questo sia vero. I conservatori sono in buona fede, ma spesso non capiscono la gente comune. Hanno, per esempio, introdotto la ‘bedroom tax’, togliendo sussidi a chi aveva una stanza in più, di cui non aveva bisogno, senza capire quale attaccamento affettivo la gente ha per la casa dove abita”.

C’è il rischio che la Gran Bretagna lasci l’Europa se i cittadini diranno no all’Unione quando Cameron li inviterà a decidere con il referendum del 2017?
“Credo che il partito antieuropeista Ukip abbia raggiunto il picco massimo del suo successo durante queste elezioni e sia in declino da adesso in poi. Penso inoltre che l’Unione europea farà qualche concessione a Cameron così che il premier possa convincere gli elettori a dire sì a Bruxelles durante il referendum. Gli inglesi non vogliono andarsene veramente dall’Europa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *