La Provincia parteciperà al procedimento civile per danni morali di guerra

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

L'Ancora (084) - 02 - Buon lavoro Presidente D'ErasmoPROVINCIA – Alla vigilia della data simbolo del 25 aprile festa della Liberazione, il Presidente Paolo D’Erasmo ha firmato oggi il decreto che conferisce, a titolo assolutamente gratuito, l’incarico agli avvocati Lucio e Andrea Olivieri di rappresentare la Provincia nel giudizio risarcitorio contro la Repubblica Federale di Germania, volto al risarcimento dei danni morali per l’uccisione di cittadini nel territorio dell’Ente, in conseguenza dei crimini di guerra ad opera delle truppe tedesche durante il secondo conflitto mondiale.

Come noto, nel periodo marzo – giugno 1944, sul territorio della provincia di Ascoli Piceno nelle frazioni Pozza e Umito di Acquasanta Terme, a Massignano e in altre località, furono trucidati per rappresaglia dalle forze di occupazione tedesche oltre 25 civili innocenti tra uomini, donne, bambini, anziani oltre a numerosi partigiani.

Il decreto, che non comporta oneri a carico del bilancio dell’Ente, prende atto della giurisprudenza, sia di merito che di legittimità, che in casi simili ad esempio nelle stragi di Civitella, Marzabotto, Sant’Anna di Stazzema, ha sancito il diritto della Provincia, quale ente territoriale esponenziale, di essere risarcito del danno morale inteso come turbamento della collettività per la morte, gratuita e violenta, di un così alto numero di suoi cittadini.

Lo scorso mese di marzo lo studio legale associato Olivieri – spiega il Presidente D’Erasmosi propose a titolo gratuito di difendere e rappresentare la Provincia nel procedimento civile nell’ambito del contenzioso, già instaurato dallo studio legale per conto dei parenti delle vittime, per ottenere dalla Germania il risarcimento dei danni morali di guerra. Un’iniziativa – aggiunge D’Erasmoche questo Ente ha ritenuto meritevole di essere accolta ed intrapresa per l’alto valore degli interessi civili ed umani lesi e anche perché ritengo sia un modo significativo ed importante per onorare la memoria non solo delle persone che persero la vita, ma anche quella collettiva della nostra provincia insignita della medaglia d’oro al valore militare per attività partigiana e protagonista attiva di quella rivolta morale che ha condotto alla liberazione e alla rinascita della democrazia“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *