Cristiani uccisi “Una tragedia che potrebbe ripetersi. Vi sono molti altri migranti nelle mani di Isis”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

martiri“Una tragedia che potrebbe ripetersi. Vi sono molti altri migranti nelle mani di Isis”: così il sacerdote eritreo don Mussie Zerai, fondatore e presidente dell‘agenzia Habeshia, commenta ad Aiuto alla Chiesa che soffre (Acs) l‘uccisione dei circa trenta cristiani etiopi ed eritrei per mano dello Stato islamico, ripresa in un video diffuso dal gruppo terrorista il 19 aprile.

“Le persone uccise dai jihadisti speravano d‘iniziare una nuova vita e ricevere protezione in Europa”, ma “nei campi di detenzione in Libia i cristiani sono sempre stati discriminati e maltrattati – riferisce il sacerdote ad Acs -. Nei giorni scorsi mi hanno informato che in un centro di Misurata i cristiani sono obbligati a pregare assieme ai musulmani e a osservare il digiuno nel mese del Ramadan. Con la differenza che mentre al calar del sole i detenuti musulmani ricevono del cibo, ai cristiani è negato anche questo diritto”. In merito alla vicenda dei dodici cristiani gettati in mare nel Canale di Sicilia lo scorso 14 aprile, il sacerdote invita invece alla cautela: “Le dinamiche non sono ancora state confermate dalla magistratura ed è la prima volta che si hanno notizie di discriminazioni religiose tra i migranti sui barconi. Spero che non sia vero, altrimenti sarebbe terribile”.

Tra i migranti cristiani uccisi dallo Stato islamico vi erano almeno tre eritrei, identificati attraverso il video diffuso dai jihadisti. Don Zerai racconta la persecuzione vissuta dai fedeli nel suo Paese, non a caso noto come la “Corea del Nord d‘Africa”. Secondo i dati dell‘ultimo rapporto sulla libertà religiosa di Acs, in Eritrea sarebbero circa 1.200 i cristiani detenuti in carcere anche per motivi religiosi: “Molti leader cristiani, soprattutto pentecostali, sono stati arrestati e torturati e alcuni di loro hanno trovato la morte in carcere. Perfino il patriarca ortodosso eletto canonicamente si trova ora agli arresti domiciliari ed è stato sostituito da un patriarca vicino al regime”. Lo stretto controllo governativo riguarda anche la Chiesa cattolica le cui pubblicazioni – “colpevoli” di denunciare ingiustizie e abusi – sono state chiuse già da dieci anni, tanto che “ci hanno vietato di pubblicare la traduzione della dottrina sociale della Chiesa in lingua tigrina. I censori sostengono che contenga temi politici”. Don Zerai teme possibili rivendicazioni in seguito alla lettera pastorale scritta dai quattro vescovi di Eritrea nel giugno 2014: una chiara denuncia delle difficili condizioni in cui versa la Chiesa locale. “Il regime non ha ancora agito perché non vuole apparire vendicativo – conclude -. Ma i vescovi si attendono una dura reazione in futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *